Crea sito

INSALATA GAMBERETTI ARANCE

Insalata gamberetti arance con l’aggiunta del tofu è un’idea semplice e veloce per un piatto leggero o antipasto a base di pesce.

20140221_135207L’utilizzo degli agrumi è molto comune nel sud dell’italia e trovo che l’abbinamento con il pesce sia molto gustoso, gli conferisce una nota di freschezza, e l’arancia in questo caso ha un gusto piu delicato rispetto al limone o del pompelmo.

per fare l’insalata gamberetti arance e tofu ci occorrono:

400 gr gamberetti sgusciati

200 gr tofu

3 arance

sale

pepe

prezzemolo

olio d’oliva

Procediamo portando in ebollizione una pentola con acqua leggermente salata con un cucchiaio di aceto. Quando raggiunge il bollore buttiamo i gamberetti ancora congelati, mettiamo il coperchio facciamo riprendere il bollore poi spengiamo il fuoco tenendoli in immersione fino a che l’acqua raffredda.Così facendo si eviteràsi evita che i gamberetti risultino stopposi per un’eccessiva lessatura.

In una terrina andiamo a tagliare a cubetti il tofu. Aggiungiamo i gamberetti scolati una spolverata di aglio in polvere e qualche cucchiaio di olio.

Peliamo avivo le  tre arance e procediamo a tagliarle a tocchetti e mescoliamo agli ingredienti precedenti e condiamo con sale, pepe e olio d’oliva. Lasciamo risposare almeno mezzora prima di servire in tavola mescolando sempre prima di impiattare.

 

 

 

CIAMBELLE

Ciambelle fritte, sono una gustosa alternativa ai tradizionali dolci che si preparano in occasione del carnevale, morbide e soffici con una spolverata di zucchero saranno molto gustose.
20140223_205858

 

per le ciambelle ci occorrono:

per il lievitino

100 gr farina

2 cucchiaini zucchero

60 ml latte

1/2 bustina lievito secco

per l’impasto:

250 gr manitoba

200 gr farina

75 gr fiocchi di patate

3 uova

100 gr zucchero

50 gr burro

200 ml latte

scorza grattugiata limone

aroma alla vaniglia

pizzico di sale

zucchero per decorare

strutto per friggere

Iniziamo preparando il lievitino, in una ciotolina, mettiamo la farina il lievito secco e lo zucchero mescoliamo e uniamo il latte tiepido e mescoliamo bene e mettiamo a lievitare coperto da pellicola alimentare per circa 30-50 minuti.

Trascorso questo tempo, mettiamo a rinvenire i fiocchi di patate con il latte e andiamo a mettere in una ciotola capiente la farina, le uova, il sale, lo zucchero, la scorza grattugiata del limone i fiocchi, il burro ammorbidito e quindi uniamo anche il lievitino che avrà raddoppiato il suo volume e impastiamo per amalgamarlo bene. Mettiamo il composto ottenuto in una ciotola coperta con pellicola trasparente nel forno spento e lasciamo lievitare l’impasto per tre ore.Trascorso il tempo indicato, prediamo delle palline di pasta alle quali faremo un buco con un dito e mettiamo su di una teglia con la cartaforno leggermente unta.Lasciamole lievitare per circa 2 ore sempre nel forno spento.

Friggiamo poi le ciambelle in olio caldo rigirandole,  poi facciamole sgocciolare su della carta assorbente da cucina, quindi spolverizziamole con dello zucchero.

Sono pronte per essere gustate!!!

LASAGNE DI CREPES ALLE ZUCCHINE

Lasagne di crepes alle zucchine primo piatto completo e sfizioso, adatto a tutte le occasioni, una lasagna “insolita”.

20140209_110625

 

Per fare le lasagne di crepes alle zucchine ci occorrono:

per le crespelle:
200 gr farina
2 uova
250 ml latte
40 gr yoghurt greco
un pizzico di sale

per il ripieno

500 ml besciamella

6 zucchine

1 scalogno

200 gr pecorino grattugiato

pan grattato q.b.

Prepariamo la pastella per le crepes setacciando la farina in una terrina, aggiungiamo lo yoghurt greco scolato e il latte, versandolo a filo e mescoliamo con una frusta a mano. A parte sbattiamo le uova con una forchetta e andiamo ad unirle alla pastella. Lasciate riposare la pastella coperta con della pellicola alimentare per almeno mezz’ora.

Puliamo e laviamo le zucchine, dopodichè le taglieremo a cubetti e andiamo a farle passire in padella con olio lo scalogno tritato fine e quando avranno evaporato l’acqua di vegetazione togliamo dal fuoco. Dividiamo le zucchine in due parti di cui una parte andremo a passarla nel mixer riducendola a crema. Prendiamo la besciamella togliamo 4/5 cucchiai, e il rimanente andiamo ad aggiungerlo alle zucchine ottenendo cosi la salsa di condimento.Mescoliamo bene e teniamo da parte.

Scaldiamo sul fuoco un padellino antiaderente appena unto e versiamo un paio di cucchiai di pastella, inclinate e girate il padellino in modo da ricoprire la base, giriamo la crepes quando farà le bollincine e cuociamo anche dall’altro lato.Ripetiamo l’operazione fino a terminare la pastella.

Prendiamo una pirofila dai bordi abbastanza alti, fate un primo strato leggero di besciamella sul fondo, poi uno strato di crespelle, salsa di verdure finendo con pecorino grattugiato. Proseguiamo cosi fino ad esaurimento ingredienti. Sull’utimo strato besciamella pecorino e pan grattato. Mettiamo a cuocere a 200 gradi per circa una mezz’ora o fino a che non si sarà formata una crosticina dorata. Lasciate raffreddare un pochino prima di tagliare e impiattare.

SCHIACCIATA FIORENTINA CON PANNA

La schiacciata fiorentina con panna è una tipica ricetta fiorentina del periodo di Carnevale. Questa ricetta è una variante con lo yoghurt me l’ha gentilmente concessa una mia amica…

20140216_142433

 

per fare la schiacciata fiorentina con panna ci occorre:

si usa il bicchierino dello yoghurt come misura.

3 di farina 

2 di zucchero 

1 yoghurt magro 

1 di olio di riso

3 uova

1 arancia grattata la buccia

succo solo 1/2 

1 bustina lievito

Prepariamo una teglia antiaderente circa 20 x 26 imburrata e infarinata:

Iniziamo a montare con l’aiuto delle fruste elettriche le uova con lo zucchero, aggiungere la farina lo yoghurt, l’olio il succo e la scorza grattugiata di arancia e da ultimo il lievito. Lavoriamo l’impasto con una spatola.Otterremo un impasto fluido, che andremo a versare nella teglia precedentemente preparata. Cuocere in forno a 180° per 20 minuti o fino a quando non assume un colore aranciato alla prova stecchino risulterà non asciutta.

Quando sarà raffreddata sformiamo e andiamo a tagliarla a metà per il verso orizzontale. Montiamo la panna e farciamo la schiacciata fiorentina, ricopriamo con la parte superiore e spolverizziamo con lo zucchero a velo. 

20140216_141825

questo dolce può essere anche una colazione o merenda molto sana…

PANZEROTTI DI SAN VALENTINO

Panzerotti di san Valentino, in questa forma sono adatti alla ricorrenza, ma vanno bene in qualsiasi momento sono un antipasto gustoso, che può diventare anche un secondo accompagnato da salumi formaggi e sottoli.

20140214_190644

 

per fare i panzerotti di san valentino ci occorono:

100 gr manitoba

400 gr farina integrale (io ho usato la spadoni farro saraceno e integrale)

1 uovo

100 gr strutto

250 ml acqua

zucchero

1 bustina lievito essiccato (tipo mastrofornaio)

sale

prosciutto cotto

mozzarella

olio per friggere

Iniziamo preparando il lievitino. In una ciotola mettiamo la manitoba con due cucchiai di zucchero il lievito essiccato e versiamo mescolando 150 ml di acqua tiepida. Copriamo con una pellicola e lasciamo riposare mezz’ora.

Prendiamo una ciotola piu capiente e mettiamo la farina intergrale qualche presa di sale e mescoliamo bene in modo che non entri direttamente a contatto con il lievito. Aggiungiamo il lievitino mescoliamo mettiamo lo strutto e l’uovo e cominciamo ad impastare aggiungendo anche la restante acqua. Io di solito mi ungo bene le mani di modo che l’impasto non mi attaccherà alle mani. Otterremo un impasto morbido e elastico. Copriamo anche questo con la pellicola e lasciamo lievitare per 1 ora. Riprendiamo l’impasto e lo tiriamo in modo da ottenere una sfoglia di 1 cm. Con l’aiuto di un coppasta in questo caso a forma di cuore ritagliamo tanti pezzi, in numero pari, ed andiamo a formare i panzerotti. Prendiamo un cuore mettiamo al centro il prosciutto cotto e la mozzarella (io vi consiglio di triturare un pò sia il prosciutto che la mozzarella)  e richiediamo con un’ altro cuore. Pressiamo bene lungo il bordo di modo che non fuoriesca nella frittura. Una volta andati a esaurimento mettiamoli a lievitare un’altra ora.

20140214_190613

Prepariamo l’olio per la frittura e quando sarà caldo iniziamo a friggere i panzerotti. Vedrete che nella frittura gonfieranno e verranno belli cicciotti…Mettete a scolare dall’olio su carta assorbente salateli. Servite ancora caldi..quando aprirete il “cuore” sarà bello filante

 

 

 

 

GRAMIGNA SALSICCIA E FUNGHI

Gramigna salsiccia e funghi è un primo piatto gustoso e adatto a tutte le stagioni, molto semplice da realizzare ma che incontrerà sicuramente il gusto dei vostri commensali.

20140209_124219

 

Per fare la gramigna salsiccia e funghi per 4 persone ci occorrono:

400 gr gramigna bianca

250 gr salsiccia (circa 2)

300 gr funghi champignon

100 ml panna

2 cucchiai passata di pomodoro

1 bicchiere di vino bianco

1 scalogno

peperoncino

prezzemolo

parmigiano

sale

Iniziamo pulendo i funghi liberandoli della parte finale terrosa e passando un panno umido per togliere i residui. Prendiamo una padella con 3/4 cucchiai d’olio e.v.o. e lo scalogno tritato fine, e quando sarà imbiondito mettiamo a trifolare i funghi, aggiungiamo mezzo bicchiere di vino bianco e quando sarà evaporato aggiungiamo qualche pizzico di sale, quando il liquido di vegetazione sarà prosciugato, cospargiamo con il prezzemolo. Togliamo dal fuoco.

Sgraniamo la salsiccia e tostiamola a fiamma sostenuta in una padella antiaderente senza condimenti, dopo qualche minuto, eliminiamo il grasso che si sarà sciolto e sfumiamo con il restante vino bianco, e quando sarà evaporato togliamo dal fuoco ed andiamo ad aggiungere ai funghi.

Mettiamo a lessare la gramigna in una pentola di acqua leggermente salata. Scoliamola quando ancora sarà al dente e andiamo a trasferire il tutto nella pentola con la salsiccia e funghi. Aggiungiamo i cucchiai di pomodoro e la panna con qualche cucchiaio di acqua di cottura e facciamo saltare un paio di minuti.

Impiattate e gustate.

ROTOLO AL TORRONE

Rotolo al torrone, si è vero è uno dei miei dolci preferiti e in questa variante ho pensato che potesse tornare utile a chi ha del torrone, avanzato dalle feste come nel mio caso, che non sa più come far fuori!

20140123_082444

 

per fare il rotolo al torrone ci occorrono:

4 uova

100 gr zucchero

80 gr farina

150 gr torrone

150 gr mascarpone

150 gr panna montata

100 gr zucchero

miele

zucchero a velo per la copertura

Iniziamo con la preparazione della pasta biscotto, montando gli albumi a neve ben ferma con un pizzico di lievito in modo che non smontino. In una’altra terrina montiamo i tuorli con lo zucchero fino a che il composto non “scrive”. Uniamo a questo punto la farina setacciata con movimenti dal basso verso l’alto, accorpiamo poi anche gli albumi sempre con la stessa tecnica in modo che non smontino. Prediamo la leccarda da forno o una teglia rivestiamo con la carta apposita e ungiamo leggeremente. Stendiamo il composto livellando bene e andiamo a cuocere a 170° per 8-10 minuti. Togliamo dal forno e facciamo raffredare su una griglia. Nel frattempo mettiamo nel congelatore la terrina dove andremo a motare la panna. Quando la pasta biscotto e leggermente tiepida, stacchiamo la carta e riavvolgiamo nella stessa carta un pò inumidita. Tritiamo con l’aiuto di un robot il torrone abbastanza fine per incorporarlo alla panna. Prediamo la terrina ben fredda e montiamo la panna. Aggiungiamo al composto il mascarpone due cucchiai di miele mescolando dal basso verso l’altro fino a che non sarà bene amalgamato.Stendiamo un bello strato sulla pasta biscotto.

20140122_154408

Arrotoliamo la pasta biscotto su se stessa e fermiamo con la pellicola in modo che stia in forma e mettiamo in frigo per un ora. Trascorso il tempo riprendiamo il rotolo e decoriamo la parte alta del rotolo con lo zucchero a velo.

 

PIZZA MARGHERITA

Pizza margherita, tra le pizze, la margherita è quella più amata, specialmente dai bambini, incontra anche i palati più difficili, a patto che gli ingredienti siano di ottima qualità.

20140202_201750

 

per fare la pizza margherita ci occorre:

300 g di farina per pizza (io uso la tre mulini)
15 g di lievito
4 cucchiai di olio
8 g di sale
8 g di zucchero
200 ml acqua (o quanta ne assorbe la farina..)
250 gr passata di pomodoro
350 gr mozzarella
origano
sale, olio
Cominciamo preparando il lievitino. Prendiamo una ciotolina con 4 cucchiai di farina mettiamo il lievito secco e lo zucchero mescoliamo e aggiungiamo 100 ml di acqua tiepida. Copriamo la ciotolina con la pellicola alimentare e lasciamo riposare 30 minuti.
Trascorso questo tempo in un’altra ciotola capiente mettiamo la farina rimasta con il sale e mescoliamo bene in modo che non venga a contatto diretto col lievito. Al centro mettiamo il lievitino e cominciamo ad impastare. Continuiamo aggiungendo l’acqua e l’olio e impastiamo ancora per 10 munti fino a che non otterremo un impasto liscio e elastico. Facciamo una croce con una lama copriamo bene e mettiamo a lievitare in un posto riparato da correnti. (considerate che l’impasto deve lievitare in un ambiente di almeno 30 gradi, che in estate non è un problema ma se è inverno riscaldate il forno a 50 ° e una volta spento ponete l’impasto dentro con una ciotola di acqua…vedrete che risultato)

Una volta raddoppiato l’impasto (calcolate circa 3 ore perchè l’incidenza del lievito è piuttosto bassa ) ungiamoci le mani e in una teglia leggermente unta andiamo a stendere la pasta con le mani. Lasciamo riposare un’altra mezzora (vederete che la pasta farà come delle piccole bolle..) Andiamo a farcire la pizza margherita. Prendiamo la passata di pomodoro aggiungiamo un paio di cucchiai d olio e l’origano sale. Con un cucchiaio stendiamo il pomodoro lasciando libero circa mezzo centimetro a cornice.. Poniamo in forno a 250° per 10/12 minuti. Mettiamo la mozzarella (io precedentemente la passo nella grattugia a fori larghi) che deve essere in quantità generosa..deve filare..Rimettiamo in forno fino a che la mozzarella non è sciolta…Gustatevi la pizza margherita (anche con le mani)

 

20140202_202401

BRIOCHES INTEGRALI

Per la vostra colazione ecco le brioches integrali sempre realizzate con il metodo sfogliette avrete cosi dei cornetti soffici leggeri e dolci al punto giusto.

20140126_103519

 

per le brioches integrali ci servono:

200 gr. di Manitoba

300 gr farina ai 3 cereali

1 bustina di mastrofornaio

250 gr. di latte tiepido
3 cucchiai di miele
3 cucchiai di olio
3 pizzichi di sale
2 uova
aroma vaniglia
buccia di limone
100 gr. di philadelphia
zucchero di canna che andrà tra le sfogliette
per la glassa
1 albume
zucchero a velo
granella di zucchero per decorare
Iniziamo sciogliendo il lievito nel latte tiepido.In una terrina andiamo a mettere tre cucchiai di farina, un cucchiaio di miele e piano piano stemperando aggiungiamo il latte con il lievito.Lasciamo riposare per mezzora coperto con una pellicola.In un’ampia ciotola mettiamo la farina ,il restante zucchero, il sale mescolando bene, la buccia di limone grattugiata, l’aroma alla vaniglia.
A questo punto facciamo un buco al centro e mettiamo il lievitino.
Iniziamo ad impastare per far assorbire le farine, dopodichè andiamo ad aggiungere le uova incorporandole uno alla volta. Trasferiamo l’impasto sulla spianatoia e impastiamo fino a quando la pasta è bella liscia.Mettiamo l’impasto dei cornetti in una ciotola, fare una croce al centro, coprire con la pellicola e facciamo lievitare nel forno precedentemente riscaldato spento con una ciotola piena d’acqua tiepida in fondo, per 2 ore o fino al raddoppio.Suddividiamo l’impasto in otto palline dello stesso peso.Con l’aiuto del matterello stendiamo 8 sfogliette. Adagiare su un piano la prima sfoglia e spennelliamo con il philadelphia, cospargere un pò di zucchero di canna e sovrapporre la seconda sfoglietta, e spennelliamo con il burro, poi un pò di zucchero e ancora un’altra sfoglietta, e continuiamo così fino ad esaurimento delle sfogliette, sull’ottava sfoglia, l’ultima, non andrà messo nè burro nè zucchero.Con il mattarello spianiamo le sfogliette sovrapposte fino ad ottenere un’unica sfoglia di circa mezzo cm. di spessore.Tagliamo la sfoglia ottenuta a spicchi e arrotolate formando i cornetti.Posizioniamo i cornetti ottenuti su una teglia da forno ricoperta di carta forno, e facciamo lievitare ancora per 1 ora, devono lievitare fino al raddoppio.
20140115_224835
Nel frattempo prepariamo la glassa con l’albume e lo zucchero a velo. Con questa andremo a pennellare i cornetti, decoreremo con la granella e li andremo ad infornare a 180°  per circa 20 minuti. Lasciate raffreddare e gustate!!!
20140126_103412
Li potete anche congelare in sacchetti adatti cercando di togliere un pò di aria simil sottovuoto…poi quando vorrete usarli li levate la sera per la mattina e li mettete in frigo. Per gustarli come appena fatti o li passate qualche secondo al micro o accendete il forno a 100° scaldate e da spento mettete i vostri cornetti un paio di minuti saranno come appena fatti!!!

TORTINO BROCCOLI GAMBERETTI E SALMONE

Tortino broccoli gamberetti e salmone, un modo nuovo per mangiare verdure e pesce avvolti in un croccante di farine integrali…

20140201_124436

per fare il tortino di broccoli gamberetti e salmone ci occorrono:

Per la base:

300 gr farina integrale

150 gr philadelphia

1 uovo

1 tuorlo

sale

per le crepes:

2 uova

125 gr farina integrale

150 ml latte

1 cucchiaio yoghurt greco

sale

per il ripieno:

200 gr gamberetti

150 gr salmone affumicto

300 gr broccoli

1 cipolla bianca

olio e.v.o.

peperoncino

prezzemolo

un bicchierino di whisky

parmigiano grattugiato

pangrattato

Iniziamo a preparare il guscio che andrà a formare il nostro tortino. Prepariamo una sbriciolata salata con la farina integrale, il sale e andiamo ad incorporare il formaggio cremoso. Con le mani fregando fino a che i blocchi di formaggio cremoso andranno a  sparire, andiamo ad ottenere un impasto sabbioso. Aggiungiamo a questo punto l’uovo intero e il tuorlo. Con le mani sempre sfregando cominceremo ad ottenere tante briciole. L’impasto è pronto, foderiamo uno stampo a cerniera con cartaforno inumidita e adiamo a sistemare le briciole prima sul fondo, pressando leggermente andiamo ad unire le briciole, continuando anche ai bordi fino a foderare tutta la tortiera. Mettiamo in frigo, e facciamo riposare una mezzora.

Intanto andiamo a lessare il broccolo in acqua leggermente salata (lo so non fà un gran bell’odore..però sarà buonissimo). In una padella mettiamo un poco di olio e andiamo a far passire la cipolla con il peperoncino. Quando sarà bella dorata (aggiungete un pochino d’acqua non fatela bruciare) aggiungiamo il salmone tagliato a piccoli pezzetti e i gamberetti, sfumiamo col bicchierino di wisky. Quando sarà evaporato, aggiungiamo il prezzemolo e togliamo dal fuoco. Lasciamo raffreddare.

Prepariamo la pastella per le crepes. In una ciotola mettiamo la farina integrale il sale e aggiungiamo il latte poco alla volta e con una frusta mescoliamo. Aggiungiamo anche le uova e il cucchiaio di yoghurt sempre sbattendo leggermente con la frusta. Lasciamo riposare la pastella.

Accendiamo il forno a 150° e quando sarà a temperatura inforniamo il guscio di sbriciolata integrale per 15 minuti.

In un padellino unto con olio andiamo a formare le crepes. Facciamo scaldare bene il padellino e mettiamo un mescolo di composto cercando di farlo spandere bene sul forno del padellino. Appena l’impasto formerà le tipiche bollicine e il momento di girarla. Formiamo almeno 4 crepes di circonferenza simile alla tortiera. Teniamo da parte.

Togliamo il guscio dal forno e lasciamo raffreddare. Scoliamo il broccolo e schiacciandolo con una forchetta andiamo ad amalgamare ai gamberetti e il salmone mescolando in modo che si formi una cremina.

Ora andiamo a comporre il nostro tortino. Prendiamo la tortiera col il guscio di pasta e andiamo a mettere il composto cremoso di verdure e pesce. Chiudiamo con una crepes. Mettiamo ancora il composto cremoso e chiudiamo con una crepes e cosi fino ad esaurimento a chiudere con una crepes. Sull’ultimo strato mettiamo del pangrattato e del parmigiano grattugiato. Inforniamo a 150° per 20 minuti.

20140201_124252

Togliamo dal forno e lasciamo raffreddare. Leviamo il tortino dallo stampo e mettiamo sul piatto di servizio. Servite in tavola appena tiepido.