LASAGNA BIANCA CON PANE CARASAU

Lasagna bianca con pane carasau è un’idea alternativa alla classica lasagna con la sfoglia all’uovo. Questo pane tradizionale della sardegna è molto sottile e croccante.E’ consumato in diversi modi, secco , o dopo averlo ri-idrato con l’acqua come accompagnamento ai salumi. Ed infine come lo ho utilizzato io, per fare una lasagna estiva leggera e molto fresca.

per fare la lasagna bianca con pane carasau ci occorrono:

Pane carasau (circa 100/150 gr)

80 gr bresaola

2 zucchine

200 gr mozzarella

parmigiano grattugiato

una confezione di pesto

pangrattato

olio

sale

brodo vegetale (per bagnare il pane)

Prepariamo gli ingredienti per la lasagna, cominciando dalle zucchine. Laviamo e spuntiamo la verdura e andiamo a grattugiare le zucchine, salandole leggermente e ponendole in un colino di modo che rilascino l’acqua di vegetazione.

Grattugiamo anche la mozzarella. Io ho usato quella in panetto, che si presta molto a questo uso.

A questo punto possiamo andare a comporre la nostra lasagna bianca con pane carasau.

Io ho adoperato delle ovoline monoporzione, ma potrete procedere nello stesso modo usando una teglia grande per tutti i commensali.

Andiamo a ungere l’ovolina e cospargiamo di pan grattato, movendola per fare aderine al fondo ed ai bordi, eliminando l’eccesso.

Alterniamo sulla teglia il pane carasau bagnato con qualche cucchiaio di brodo, un po di pesto, le zucchine, la bresaola e la mozzarella. Terminare con uno strato di pane carasau, mozzarella e coprite tutto con il parmigiano grattugiato.

Inforniamo nel forno caldo a 180°C per 10/15 minuti o fino a quando la mozzarella non comincerà a sciogliersi e il parmigiano avrà fatto una crosticina dorata.

Servite e gustate!!!

 

 

TAGLIATELLE INTEGRALI GAMBERETTI E FUNGHI

Tagliatelle integrali gamberetti e funghi, la pasta fresca integrale è molto versatile e permette di creare abbinamenti di gusti e sapori per ogni palato. In questo caso i gamberetti e funghi creano un primo piatto completo.

Per realizzare le tagliatelle integrali gamberetti e funghi ci occorrono:

300 gr farina integrale

3 uova

250 gr gamberetti in salamoia

250 gr funghi champignon

aglio in polvere

prezzemolo tritato

1 cucchiaio di formaggio cremoso

olio e.v.o.

sale e peperoncino

Iniziamo la preparazione dalla pasta fresca: versiamo la farina integrale in una ciotola capiente, facciamo una conca al centro per creare la classica a fontana e rompiamo una alla volta, le uova a temperatura ambiente. A questo punto impastiamo con le mani fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo. Avvolgiamo nella pellicola trasparente e lasciamo riposare per 30 minuti.

Occupiamoci del condimento: puliamo i funghi con un panno morbido e tagliamoli a cubetti.In una padella (bella capiente) con qualche cucchiaio di olio e.v.o. fate imbiondire un cucchiaino di aglio in polvere, uniamo i funghi,coprite con coperchio e facciamo cuocere i funghi 5 muniti.

Trascorso il tempo di riposo, riprendiamo la pasta fresca, prendiamo un pezzo dal panetto e stendiamo in una sfoglia sottile con l’apposita macchinetta manuale o elettrica. (ricordatevi di richiudere il panetto rimasto di modo che non prenda aria) avanti cosi fino ad esaurimento della pasta. Sparpagliamo le tagliatelle e mettiamo su un vassoio infarinato per non farle attaccare.

Al condimento andiamo ad aggiungere i gamberetti scolati dal liquido di conservazione e sciacquati sotto acqua corrente. Saltiamo un minuto ed aggiungiamo il cucchiaio di formaggio cremoso. Spegniamo e teniamo da parte.

Mettiamo a lessare le tagliatelle in abbondante acqua salata. Cuociamo per pochi minuti eppoi prendiamole con la schiumarola e passiamole direttamente nella padella, che avremo rimesso sul fuoco.

Saltiamo le tagliatelle nel condimento aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura.

Finiamo il piatto con del prezzemolo fresco tritato. Impiattiamo e serviamo le tagliatelle integrali gamberetti e funghi.

CANNERONI INTERGRALI RUCOLA POLPO POMODORINI

Canneroni integrali rucola polpo pomodorini,
sono un primo piatto di mare molto saporito, a base di un condimento realizzato con il polpo che in questa ricetta, viene cotto a vapore, esaltandone il sapore e morbidezza.

per questa ricetta ci occorrono:

250 gr canneroni integrali freschi (o tortiglioni)

400 gr polpo piccoli

200 gr pomodorini datterini

un mazzetto di rucola

1/2 carota

1 scalogno

2 coste di sedano

olio e.v.o.

bicchiere di vino

bicchierino di aceto bianco

peperoncino in polvere

Poniamo a cuocere nella vaporiera il polpo dopo averlo pulito. Nell’acqua della vaporiera aggiungiamo un bicchierino di aceto bianco. Facciamo cuocere per 15/20 minuti. Trascorso questo tempo spegniamo e andiamo a ridurre in pezzetti il polpo.

In una padella capiente con qualche cucchiaio di olio e.v.o. mettiamo a soffriggere la carota, scalogno e coste di sedano tritate fino a che non saranno dorate.

Puliamo i pomodori datterini e tagliandoli a metà, saliamo leggermente e lasciamo a scolare l’acqua di vegetazione. Aggiungiamo in padella una spolverata di peperoncino e a seguire il polpo ridotto a pezzetti e lasciamo andare a fiamma veloce un minuto. Mettiamo anche i datterini precedentemente preparati e sfumiamo con un bicchiere di vino bianco.

Nel frattempo andiamo a cuocere la pasta integrale in abbondante acqua salata. In questo caso, essendo pasta fresca occorreranno solo 5 minuti di cottura.

Aggiungiamo in padella la rucola lavata ed asciugata, appena sarà leggermente appassita, scoliamo la pasta e andiamo ad aggiungerla al condimento saltando il tutto, un paio di minuti.

Poniamo i canneroni integrali rucola polpo pomodorini sul piatto di portata e andiamo a servire con un filo d’olio.

ZUPPA CAVOLO NERO FAGIOLI E LONZA

Zuppa cavolo nero fagioli e lonza è una pietanza molto saporita, in cui potete gustare carne e verdura insieme..la zuppa toscana fa parte di una delle ricette più antiche della tradizione italiana, ancora oggi ai primi posti nei menù delle trattorie. Questa che vado a proporvi oggi è la ricetta della zuppa proveniente dal mondo contadino.

per la zuppa cavolo nero fagioli e lonza ci occorrono:

un mazzo di cavolo nero

1 cipolla (non grande)

sedano (un paio di coste)

1 carota

fagioli rossi

2 fette di lonza di maiale

olio e.v.o.

rosmarino

aglio

brodo q.b.

sale e pepe

Prepariamo il cavolo, lavandolo con cura, asciugando le foglie e tagliamolo a pezzi. A seguire prepariamo il soffritto tritando cipolla sedano e carote. Lasciamo rosolare in una pentola con qualche cucchiaio d’olio il soffritto per 4-5 minuti. Nel frattempo, tagliate a listarelle la lonza di maiale e fatela rosolare nel soffritto per 5 minuti, a fuoco vivo. Aggiustate di pepe.

Scoliamo i fagioli rossi dal brodo di conservazione sciacquiamoli sotto acqua corrente, scoliamoli e uniamoli al soffritto mescolando. Prendiamo in ultimo le foglie di cavolo mettendole in pentola e andiamo a coprire il tutto con il brodo. Fare cuocere a fiamma bassa per quasi 1 ora.

In un pentolino a parte prendiamo 3/4 cucchiai d’olio e andiamo ad aromatizzare con uno spicchio d’aglio e del rosmarino per 3/4 minuti.

A fine cottura andiamo ad ultimare la zuppa con l’olio aromatizzato. Regoliamo di sale e pepe mescolando bene.

Serviamo la zuppa,  se gradite potete aggiungere delle fette di pane toscano leggermente abbrustolite.

PEPERONI RIPIENI QUINOA E VERDURE ALLA MEDITERRANEA

Peperoni ripieni quinoa e verdure alla mediterranea sono un primo piatto adatto al periodo, quando ancora è piacevole accendere il forno. Come tutte le verdure ripiene, risultano allettanti e nella mia famiglia hanno sempre un discreto successo.

per i peperoni ripieni alla quinoa e verdure alla mediterranea ci occorrono

dosi per 2 persone

2 peperoni
60 gr quinoa
1        pomodoro
1        zucchina
1        melanzana
1 spicchio di aglio
olio etxravergine d’oliva qb
formaggio grattugiato qb
sale

Cuociamo in una casseruola, la quinoa  in due bicchieri d’acqua in pizzico di sale e un cucchiaio d’olio d’oliva, a fuoco medio, coprendola con un coperchio per circa 15 minuti fino a che non avrà assorbito l’acqua . Teniamo da parte.

Puliamo e svuotiamo i due peperoni tagliandoli nel mezzo ed eliminiamo anche i filamenti esterni. Saliamoli leggermente e mettiamoli a scolare del liquido di vegetazione.

Riduciamo la zucchina e la melanzana a tocchettini. In una padella soffriggere l’aglio con un filo di olio.  Uniamo le verdure regoliamo di sale e pepe e cuocere a fiamma bassa. Nell’ultimo minuto di cottura aggiungiamo il pomodoro ridotto a pezzetti.

Prendiamo la quinoa e andiamo a condire con le verdure saltate mescolando bene. Aggiungiamo anche il parmigiano grattugiato tenendo qualche cucchiaio da parte. Riempiamo quindi con il composto appena preparato i peperoni effettuando una leggera pressione. Mettiamo su una teglia rivestita di carta forno, ungiamo con un filo di olio  spolveriamo col parmigiano rimasto e cuocere in forno caldo a 200°C per circa 25 minuti.

In questo caso ho servito i peperoni ripieni con un crostino di pane intergrale con formaggio cremoso e granella di mandorle.

ZUPPETTA CECI CON GAMBERI

Zuppetta ceci con gamberi l’accostamento dei ceci che come tutti i legumi sono un classico alimento “povero”, ma con l’abbinamento di gamberetti e spezie come il curry e la curcuma, si arricchiscono, acquisendo un sapore esotico davvero inimitabile. Inoltre, la consistenza e la cremosità di questa pietanza rendono il piatto un ottimo primo da servire anche in occasioni speciali.

20161104_200950

per la zuppetta ceci con gamberi ci occorrono:

1 confezione ceci lessi già pronti

150 gr. gamberetti precotti congelati

200 ml di brodo vegetale

aglio in polvere

1 cucchiaino di curry

1 cucchiaino di curcuma

pepe

prezzemolo

crisp di cipolla

 

olio e.v.o.

Prendete una pentola mettete il 200 ml di brodo e fate scaldare. Scolate i ceci dall’acqua di conservazione sciacquandoli sotto acqua corrente ed una volta fatta questa operazione, mettiamo i ceci nel brodo con l’aglio in polvere e il pepe e facciamoli insaporire. Continuiamo la cottura con l’aggiunta di curry e mezzo cucchiaino di curcuma. Procediamo coprendo ed a fiamma bassa per 15 minuti. 

Prendiamo il minipiner, mettendo da parte un paio di mestoli di ceci e frulliamo il resto dei ceci ottenendo una bella crema.

Puliamo i gamberi dal loro carapace e andiamo ad aggiungere alla crema di ceci  e i  mestoli di ceci interi tenuti da parte. Cuociamo ancora per altri 10 minuti.

Impiattiamo e serviamo con una fetta di pane integrale abbrustolita.

LINGUINE DI ZUCCHINE CON CREMA DI GAMBERETTI

Linguine di zucchine con crema di gamberetti o zoodles sono un  primo piatto fresco light e senza glutine . Molto buoni da mangiare e si prestano a tantissime varianti di condimenti. L’unico inconveniente per prepararli è che avete bisogno dello strumento apposito, che però potete trovare anche per pochi euro in tutti i negozi di articoli per la casa.

20160824_130107

per le linguine di zucchine con crema di gamberetti ci occorrono:

zucchine (calcolate almeno 2 a testa…io considerando piatto unico 3 a testa)

200 gr gamberetti in salamoia

150 gr formaggio cremoso

aglio

peperoncino

olio

qualche cucchiaio di latte

prezzemolo

sale

Laviamo e spuntiamo le zucchine, quindi, con l’apposito apparecchietto, andiamo a creare gli zoodles o linguine, seguendo le istruzioni. Il mio funziona come una specie di temperamatite gigante con manico: quindi lascio un pò di parte dura sulla cima della zucchina infilo nell’attrezzino e fermandolo col manico, giro.

Proseguiamo preparando il condimento: in una padella capiente, rosoliamo l’aglio con un paio di cucchiai d’olio, poi aggiungiamo una spolverata di peperoncino e facciamo insaporire per qualche minuto.

Mettiamo a questo punto il formaggio cremoso facendo sciogliere con qualche cucchiaio di latte. Una volta ottenuta la crema, uniamo anche i gamberetti scolati dalla salamoia, sciacquati sotto acqua corrente e tamponati leggermente.

Mescoliamo il tutto e poniamo le zucchine ormai diventati linguine a saltare un paio di minuti, spolverando di prezzemolo.

Impiattiamo e serviamo ai nostri commensali.

FETTUCCINE INTEGRALI POLPO COZZE POMODORINI

Fettuccine integrali polpo cozze pomodorini è un primo piatto saporito, molto adatto ad essere consumato come piatto unico, sia per un pranzo o una cena a base di pesce.

20160724_133132

per le fettuccine integrali poIpo cozze pomodorini ci occorrono

per le fettuccine (circa 320 gr di pasta)

120 gr di farina integrale

100 gr di farina di grano duro

2 uova

un cucchiaio di olio

un pizzico di sale

per il condimento:

300gr di cozze già pulite

1 polpo piccolo (circa 600 gr) già pulito

1 cipolla

2 spicchi d’aglio (in alternativa aglio in polvere)

2 dl vino bianco secco

peperoncino

olio e.v.o.

prezzemolo

Iniziamo col preparare le fettuccine: mischiamo le farine, facciamo la classica fontana e nel mezzo rompiamo le uova e cominciando ad incorporare alla farina. A questo punto andiamo ad impastare fino a che non otterremo un impasto sodo ed elastico. Facciamo riposare in un contenitore ermetico o avvolta in pellicola trasparente per una mezz’oretta.

Aiutandoci con la sfogliatrice (chi è brava può stendere col mattarello) tiriamo la sfoglia all’incirca dello spessore 2 mm, un pò spessa, ma potremo ridurre ulteriormente lo spessore in base ai nostri gusti. Infariniamo leggermente le sfoglie e lasciamo riposare per qualche minuto in modo che si asciughino un pò e poi procederemo con il taglio.

Trascorso questo tempo passiamo le sfoglie nella macchinetta tagliando e otterremo le fettuccine. Allarghiamo su un vassoio leggermente infarinato e lasciamo asciugare una mezz’oretta.

Dedichiamoci alla preparazione del condimento. Portiamo ebollizione abbondante acqua e uniamo il polpo lasciando lessare 40 minuti con il coperchio. Trascorso questo tempo spegere il fuoco e lasciare intiepidire nel liquido di cottura. Togliamo il polpo sgoccialato e procediamo tagliandolo a pezzetti: dovrà risultare tenero.
Tagliamo dei pomodorini spaccandoli nel mezzo. Tritiamo la cipolla finemente.
Mettiamo a lessare le fettuccine integrali in abbondante acqua salata.
Prepariamo una padella capiente, dove successivamente spadelleremo le fettuccine, e mettiamo a scaldare l’olio con i due spicchi d’aglio leggermente schiacciati e il peperoncino. Appena l’aglio sarà imbiondito togliere e aggiungere la cipolla.
Appena sarà passita uniamo le cozze. Facciamo andare qualche minuto e uniamo anche i pezzi di polpo. Sfumiamo col vino.
Scoliamo le fettuccine integrali e mettiamo a saltare in padella con i pomodorini e qualche cucchiaio di acqua di cottura. Aggiustiamo di sale, togliamo dal fuoco e uniamo il prezzemolo.
Impiattiamo e servite.

 

PANMOLLE AL CARBONE

Panmolle al carbone…un classico rivisitato, a Prato il panmolle è la panzanella per il resto d’italia. In questa versione proprio per riciclare alcune fette di pane al carbone e una manciata di verdure dell’orto , ecco la versione che differenzia solo dalla visibilità cromatica.

 

PicsArt_1467635775790[1]

per il panmolle al carbone ci occorrono

400 pane al carbone raffermo

700 gr acqua

2 foglie di alloro

1/2 bicchiere di aceto

1 cipolla rossa

1 gambo di sedano
1 cetriolo
4 pomodori datterini

qualche foglia di basilico 

olio extravergine d’oliva (EVO)

sale e pepe

Prendiamo una ciotola grande riempiamola con l’acqua, l’aceto, l’alloro e una presa di sale. Con un cucchiaio giriamo bene di modo che il sale si sciolga del tutto. Lasciamo insaporire per un’ora circa, girando ogni tanto.

Nel frattempo puliamo tutte le verdure cetriolo sedano e pomodori e tagliamoli a pezzetti ponendoli in una terrina e condiamo con olio, sale e aceto. La cipolla invece dopo averla pulita la tagliamo a rondelle e mettiamo a rinvenire in acqua e aceto.

Prendiamo 4 fette di pane (se la crosta fosse troppo dura eliminiamo qualche parte) e mettiamole in ammollo nell’acqua aromatizzata e quando saranno inzuppate bene, scoliamole dall’acqua strizzandole un pochino.

Adagiamo il pane che andremo a sbriciolare grossolanamente sopra un vassoio e condiamolo con le verdure a pezzetti, la cipolla scolata dall’acqua, qualche foglia di basilico, l’olio e aggiustiamo di sale e pepe.

Se vi piace potete aggiungere della ricotta che ammorbidirà il gusto delle verdure.

CARBONARA MARE E MONTI

Carbonara mare e monti è una idea trovata sul web che ho provato l’altra sera a cena, ed a noi è piaciuta molto, è risultato un primo piatto sfizioso..andiamo a vedere insieme la ricetta

20160106_130022[1]

per la carbonara mare e monti ci occorrono:

(dosi per due persone)

180 gr linguine

150 gr porcini

vongole sgusciate (1 confezione surgelate)

2 tuorli

un cucchiaio di besciamella

30 gr parmigiano

30 gr pecorino

aglio

sale e pepe

prezzemolo

1/2 bicchiere vino bianco

olio e.v.o.

Prendiamo una capiente padella e facciamo rosolare l’aglio intero e schiacciato, in 3 cucchiai di olio e.v.o. e aggiungiamo i funghi ancora surgelati e li lasciamo ammorbidire… quando saranno teneri tagliarli a cubetti e ributtate in padella aggiungendo anche le vongole sgusciate con metà del prezzemolo e un pizzico di sale. Lasciare cuorere per 5 minuti sfumando con del vino bianco. Aggiustare di sale e pepe e al termine aggiungere il prezzemolo.

In una terrina grande andiamo a sbattere i tuorli con i formaggi grattugiati con la besciamella  e abbondante pepe nero.

Cuocere la pasta in abbondante acqua salata con un cucchiaio d’ olio evo per il tempo necessario, Scoliamo tenendo un paio di cucchiai di acqua di cottura e andiamo a saltare con le vongole e i funghi. Togliamo dal fuoco e velocemente andiamo ad amalgamare il tutto con il composto della carbonara…Impiattiamo e gustiamo…