Crea sito

TORTINO DI RISO CON TARTARE DI SALMONE E CHIPS DI CECI

Questa ricetta è ispirata alla cucina giapponese. In famiglia piace assaggiare queste prelibatezze, e visto il periodo, ho provato a usare gli ingredienti tipici del chirashi e trasformarlo in un piatto di casa. Semplice da preparare, può anche essere usato per antipasto in quantità piu piccole, è un piatto che può essere servito anche nelle occasioni speciali.

Iniziamo la preparazione di questa ricetta a base di tartare di salmone, partendo dal riso, che è la base di questo piatto. Io ho usato il Roma perchè ha un chicco piccolo e glutinoso.

per il tortino di riso con tartare di salmone ci occorrono:

200 gr Filetto di Salmone freschissimo 

140gr Riso Roma

2 cucchiaini  Aceto di Riso (in alternativa potete usare l’aceto di mele)

1 cucchiaino Zucchero  

1 cucchiaino Semi di Sesamo  

1 cucchiaio Salsa di Soia  

Olio evo e Sale q.b.

per che chips di ceci:

  • 300 gr di acqua
  • 60 gr di farina di ceci
  • 20 gr di farina di mais (tipo fioretto)
  • 1 cucchiaino di sale grosso
  • olio extravergine

Premessa: Dovendo utilizzare pesce crudo, dobbiamo fare particolare attenzione nella scelta del salmone che deve essere sicuro:fresco e abbattuto. Io non avendo a disposizione un’abbattitore ho utilizzato il mio congelatore domestico lasciandolo 96 ora a -15°.

Preparazione del riso: Raccogliamo il riso in una scodella capiente, riempita di acqua fredda e mescoliamolo con le mani, in modo da “lavarlo”. Quando l’acqua inizia a intorpidirsi, scoliamo il riso con l’aiuto di un colino. Ripetiamo questa sequenza fino a che l’acqua non resterà limpida. Poniamo il riso nella vaporiera e procediamo con la cottura al vapore.

Nel frattempo prepariamo al tartare di salmone: prendiamo il filetto di pesce ed eliminiamo la pelle Tagliamolo in cubetti e successivamente tritiamolo “al coltello”, fino a ottenere una tartare morbida e uniforme. Poniamo la tartare di salmone in una scodella a cui aggiungeremo un chucchio di olio extravergine di oliva e un cucchiaio di salsa di soia. Mescoliamo il tutto con un forchetta e lasciamo riposare in frigorifero fino al suo utilizzo.

Rimuoviamo il riso dalla vaporiera e sgraniamolo per qualche minuto aiutandoci con una spatola, in modo da rompere i grumi che si saranno formati durante la cottura e lasciamolo raffreddare in una ciotola capiente. Prepariamo il condimento versando con un cucchiaio abbondante di aceto di riso unito a un pizzico di sale e a un cucchiaino di zucchero di canna e mescoliamo bene fino a quando tutti gli ingredienti non si saranno disciolti. Aggiungiamo al riso un cucchiaio abbondante di semi di sesamo e, mescolando con un cucchiaio di legno, integriamo poco alla volta il condimento appena preparato.

Posizioniamo il riso in una piccola ciotola rivestita con pellicola da alimenti e riempiamo quasi la metà compattando e livellandolo delicatamente con cucchiaio. Stendiamo uno strato di tartare e finiamo con uno strato di riso, compattando bene. Finite le due porzioni ci deve avanzare un paio di cucchiai di tartare da mettere sopra per decorazione. Rovesciamo sul piatto di portata e decoriamo con la tartare di salmone rimasta.

Per le chips di ceci vi rimando a questa ricetta.

CHIPS DI CECI

Le chips di ceci sono dei bastoncini croccanti che per forma e consistenza ricordano le patatine fritte, con la differenza, che queste sono realizzate con un mix di farina di ceci e mais, che con aggiunta di acqua si ottiene d un impasto che assomiglia molto alla polenta, dal quale una volta raffreddato, si ricavano questi bastoncini sottili, che poi verranno cotti in forno fino a renderli croccanti. Le Chips di farina di ceci, oltre ad essere molto facile e veloci da preparare sono anche più leggere delle classiche patatine; Possiamo servirle come contorno versatili per accompagnare pietanze di carne o pesce, ideali snack, come finger food da gustare davanti alla tv accompagnate da una bella bibita fresca come post cena, perfette anche come aperitivo sevite con le salse… La ricetta l’ho scoperta sul web e l ho voluta provare…un successo!!!

chips di ceci

Per due teglie di chips di ceci ci coccorrono:

600 ml acqua

100 gr farina di ceci

50 gr farina di mais

1 cucchiaio di olio evo

sale q.b.

Iniziamo la preparazione setacciando e miscelando bene le due farine. Portiamo l’acqua con un cucchio di olio ad ebollizione in una pentola aggiungiamo in un sol colpo le farine mescolando con un frusta di modo che non si formino grumi. Appena il composto si sarà addensato, trasferiamolo nella leccarda del forno precedentemente unta. Stendiamolo in maniera uniforme dallo spessore di circa 7 mm. Lasciamo raffreddare.

Una volta raffreddato capovolgiamo il composto sul piano di lavoro e ricaviamo le chips: con un coltello unto ricaviamo delle striscioline di 5-6 mm di larghezza (non facciamoli troppo larghi, altrimenti perderanno di croccantezza) e dalla striscia ricaviamo dei bastoncini di 6 cm.

Disponiamo di nuovo in una teglia con cartaforno saliamo e cuociamo in forno caldo a 200° per 30 minuti o fino a che le vedrete “abbronzate”. Sforniamo e lasciamo intiepidire. Pronte da servire.

URAMAKI DI PANE E SALMONE

Uramaki di pane e salmone non sono altro che dei rotolini di pane da tramezzino ripieni, in questo caso salmone che imitano i famosissimi rolls della cucina giapponese e sono un ottimo antipasto di facile preparazione ma molto scenografici. Le combinazioni sono tante quindi da questa ricetta potete partire, scatenando la vostra fantasia!

uramaki di pane e salmone

per gli uramaki di pane e salmone ci occorrono:

  • 6 fette di pane per tramezzini
  • 100 gr formaggio cremoso
  • 100 gr salmone affumicato
  • prezzemolo
  • q.b maionese
  • q.b semi papavero

Iniziamo la preparazione dei nigiri di pane e salmone proprio dal pane da tramezzini. Prendiamo una fetta e stendiamolo con l’aiuto di un mattarello così da renderlo più sottile e soprattutto più elastico. Sarà più semplice la realizzazione stessa dei rotolini.

Dedichiamoci adesso alla farcitura. Stendiamo sul pane uno strato abbondante di formaggio cremoso e delle fette di salmone. Arrotoliamo il pane così da formare un rotolo. Spalmiamo sul rotolo di pane uno strato di maionese e rotoliamo nei semi di papavero in modo che si attacchino bene. (sembrerà il nero dell’alga)

Copriamo il rotolo ottenuto con pellicola trasparente e lasciamo in frigorifero almeno un’ora. In questo modo, infatti, il rotolo si compatterà e realizzare i rotolini (uramaki) sarà ancora più semplice.

Trascorso questo tempo, togliamo dal frigo e tagliamo in modo da ottenere i uramaki. Posizionate sul piatto di servizio e gustate.

ALBERINI E STELLA DI PASTASFOGLIA

Alberini e stella di pastasfoglia, sono un antipasto scenografico per le feste natalizie. Facili e veloci da realizzare, possono avere tantissime combinazioni di ripieno, da soddisfare tutti i palati…

per gli alberini e stella di natale ci occorrono

Alberini:

una confezione di pasta sfoglia rettangolare

formaggio a fette

mortadella

olive verdi denocciolate

stecchini da spiedini

Stella:

una confezione di pasta sfoglia rotonda

passata di pomodoro

prosciutto cotto

mozzarella

olio

origano

sale

Cominciamo con la preparazione degli alberini, stendiamo la pasta sfoglia rettangolare. Mettiamo sulla pasta il formaggio a fette a ricoprire tutta la pasta. Sopra poniamo le fette di mortadella a ricoprire il formaggio. A questo punto con l’aiuto di una rotella da pizza, tagliamo a strisce tutto il rettangongolo con il suo ripieno. Ogni striscia la piegheremo a fisarmonica componendo cosi l’alberino. Fermiamo il tutto con lo stecchino da spiedino. Mettiamo tutti gli alberini ottenuti in una teglia ricoperta da cartaforno e cuociamo a 180° per 15 minuti o fino a che la pasta risulterà dorata. Lasciamo raffreddare e spostiamo sul piatto di servizio.

Adesso prepariamo la stella. Stendiamo la pasta sfoglia rotonda e andiamo a praticare otto tagli lungo il bordo di circa 5 centimetri, l’uno opposto all’altro. e incidiamo due croci che si intersecano al centro della sfoglia, ottenendo 8 vertici di ipotetici triangoli.

In ogni “triangolo” sistemiamo la passata di pomodoro un pò d’olio origano, prosciutto cotto a pezzetti ed infine la mozzarella.Ripiegate sulla farcitura i lembi tagliati formando un triangolo, e ripiegate anche il triangolino centrale verso il ripieno. Cuociamo a 180° per 15 minuti. Facciamo raffreddare e trasferiamo sul piatto di portata.

 

 

BRUSCHETTE E INDIVIA ESTIVE

Bruschette e indivia estive tra il classico ed il rivisitato. Per le cene estive le bruschette sono un ottimo alleato, facili e semplici da preparare ed incontrano sempre il gusto dei nostri commensali. Qui di seguito un paio accompagnate da una verdura versatile l’indivia che in questa versione si veste da bruschetta andando a sostituire il pane..

per le bruschette ed indivia estive ci occorrono:

per la bruschetta tradizione

bruschetta integrale

pomodoro maturo

origano

aglio

olio e.v.o.

sale

per la bruschetta alternativa

sfoglia integrale croccante

fagioli rossi

mais

peperone rosso cotto

feta

per indivia vestita da bruschetta

indivia

mozzarella grattugiata

bresaola

crema di balsamico

Preparazione della bruschetta tradizione: io ho scelto bruschette integrali. Inumidiamo con acqua le bruschette e adagiamole sul piatto di portata. Prendiamo pomodori maturi (io ho scelto i cuori di bue) laviamoli e riduciamoli a cubetti. Mettiamo in una ciotola i pomodori a pezzetti olio d’oliva, aglio, origano e aggiustiamo di sale. Mescoliamo bene e lasciamo a riposare una mezz’ora. Trascorso questo tempo mettiamo i pomodori sulla bruschetta con il suo liquido aiutandoci con un cucchiaio.

Preparazione della bruschetta alternativa: in una terrina mescoliamo peperoni in agrodolce ridotti a listrelle, mais sciacquato e sgocciolato, fagioli rossi lessati, e feta anche questa ridotta a cubetti. Condiamo con olio d’oliva e aggiustiamo di sale. Per la base prendiamo una foglio croccante integrale con semi. Lasciamo la sfoglia al naturale e mettiamo sopra il composto di verdure e feta.

Preparazione indivia vestita da bruschetta: prendiamo una padella di ghisa e scaldiamola.Sciacquiamo i cespi di indivia belga sotto l’acqua corrente e andiamo a tagliarli a metà longitudinalmente con il coltello e disponiamola sulla griglia dalla parte tagliata. Lasciate cuocere 5 minuti, giriamo e sulla parte già cotta mettiamo della mozzarella grattugiata. Trascorso lo stesso tempo, togliamo dal fuoco e poniamo sul piatto di portata. Chiudiamo con fettine di bresaola condite con crema di balsamico.

Buon appetito

 

 

BAGUETTE RIPIENA HASSELBACH

Baguette ripiena hasselbach, prende il nome dallo stesso metodo di taglio e farcitura delle patate. Ottima per un’aperitivo o pane ripieno da servire in tavola per una cena sfiziosa. In questa ricetta, la baguette, viene tagliata e farcita con speck e provola, spennellata con latte e uovo e prezzemolo e cotta in forno.

per la baguette ripiena hasselbach ci occorrono:

2 baguette piccole

formaggio provola

speck

1 uovo

100 ml latte

olio evo per spennellare

sale e pepe

prezzemolo q.b

Prendiamo le baguette e andiamo ad eseguire dei tagli in modo da creare un effetto fisarmonica. Potete aiutarvi ponendo di fianco al pane un cucchiaio di legno. Questo procedimento vi aiuterà a fare dei tagli precisi e regolari e a non rischiare di tagliare la fetta fino in fondo.

Trasferiamo le baguette dentro una teglia da forno unta o se preferite rivestita di cartaforno. Tagliamo la provola a fette sottili e cominciamo a farcire la baguette. In ogni taglio mettiamo una fetta di speck e una di formaggio.

In una terrina sbattiamo l’uovo col latte, un pò di pepe, un pizzico di sale ed un cucchiaio di olio e.v.o. Con questo composto andiamo a bagnare le baguette con aiuto di un pennello di silicone. Ripetiamo l’operazione più volte fino a che non sarà esaurito il liquido ed il pane sarà inzuppato. Spolveriamo con prezzemolo tritato ed aggiustiamo di sale.

Inforniamo il tutto a 200° ventilato, coperto da un foglio di allumino per i primi 10 minuti, dopodichè scopriamo e lasciamo andare altri 5 minuti o fino a che la nostra baguette non sarà bella dorata. Servite subito, bella filante e croccante….

 

FRITTATA CON INDIVIA SCAROLA E UVETTA

Frittata con indivia scarole e uvetta è un secondo a base di uova molto semplice da realizzare. In particolare questa arricchita e personalizzata l’ abbinamento degli ingredienti vanno a contrastare l’amaro delle due verdure (indivia e scarola) con la dolcezza dell’uvetta .Un piatto classico della tradizione gastronomica dei paesi del sud poiché insieme con le alici, va ad assomigliare alla base della farcia della pizza ripiena preparata nel periodo natalizio. La cottura della frittata, per ridurre grassi e tempi, andremo a cucinarla al forno.

per la frittata con indivia scarola e uvetta ci occorrono

4 uova

1 cespo  indivia

1 cespo  scarola

1 scalogno

30 gr uva sultanina

3 alici sottolio

3/4 cucchiai di farina integrale

1 cucchiaino lievito istantaneo per pizze

olio e.v.o.

sale e pepe

Iniziamo la ricetta. Laviamo e tagliamo a pezzi le due verdure scoliamo dall’ acqua e tamponiamo. Mettiamo in ammollo l’uvetta in acqua tiepida.

Affettiamo lo scalogno, mettiamo in una padella capiente e facciamolo soffriggere con qualche cucchiaio di olio e.v.o., appena sarà “imbiondito” aggiungiamo anche le alici facendole sciogliere. Fatta questa operazione, uniamo la scarola e l’indivia precedentemente preparate. Facciamo passire per 6/7 minuti. A fine cottura aggiungiamo anche l’uvetta. Togliamo dal fuoco e teniamo da parte.

Accendiamo il a 170°.

In una terrina andiamo a sbattere le uova, aggiungiamo la farina integrale ed il lievito.

Prepariamo una teglia con un foglio di cartaforno e andiamo e trasferire il composto di uova. Sopra mettiamo le nostre verdure ed inforniamo per una decina di minuti a 170° eppoi altri 10 minuti abbassando a 150°. I tempi di cottura variano da forno a forno. A me piace una cottura che la renda consistente ma morbida all’interno. Togliamo dal forno quando la frittata sarà dorata e mettiamo a raffreddare.

Tagliamo a fette o a dadini, come preferite.

 

 

nota: per rendere la frittata ancora più morbida possiamo aggiungere 100 gr di ricotta fresca alle uova. Con questa ricetta possiamo realizzare dei deliziosi finger food cuocendo la frittata nei pirottini di silicone. Se il gusto delle due verdure non vi convince possiamo utilizzare gli spinaci.

INSALATA DI MARE BELLAVISTA

Insalata di mare bellavista, le temperature salgono e c’è piu voglia di cose fresche..questa insalata che possiamo servire sia come antipasto, ma anche come secondo piatto di pesce, è un’insalata tiepida e profumata con varietà di pesce e verdure, dai sapori e profumi che si ben si sposano tra di loro tutto in un piatto di portata cosi, in bellavista.

per l’insalata di mare bellavista ci occorrono:

100 gr salmone affumicato

8 bastoncini di surimi

2 “bistecchine” di tonno

1 patata grande

2 cetrioli

6/7 pomodori pachino

rucola

semi sesamo

origano

sale

olio e.v.o

limone

Iniziamo la preparazione di questo piatto. Puliamo la rucola, laviamola e asciughiamo e disponiamola al centro di un vassoio. Laviamo i pomodorini e tagliamoli a metà e andiamo a disporli intorno alla rucola. Togliamo la buccia ai cetrioli, tagliamoli a fettine e andiamo a disporli a giro dopo i pomodori con un pò di origano nel vassoio. Condiamo con un poco di olio succo di limone e sale le verdure.

Cuociamo su di una piastra calda le bistecchine di tonno. Calcolate un paio di minuti per parte. Togliamo dal fuoco e andiamo a tagliarle a fettine e adagiamole sulla rucola. Sul tonno andiamo a spargere i semi di sesamo.

Andiamo a tagliare i bastoncini di surimi a rondelle e andiamo a metterli vicino ai pomodorini.

Prendiamo il salmone affumicato e tagliamo a listrelle. Andiamo a disporre tra le fettine di cetriolo.

Intiepidiamo leggermente nel microonde e serviamo.

 

 

ROTOLO FRITTATA ALLE ZUCCHINE FARCITO

Rotolo frittata alle zucchine farcito ideale per una cena a piatti freddo. La cottura della frittata viene in  perchè forno in questo modo le uova vengono spumose. Possiamo servirlo appena tiepido o freddo, quindi comodo anche per portarlo come pranzo in ufficio è l’ideale.

Per il rotolo frittata alle zucchine farcito ci occorrono:

3  zucchine

3 uova

30 gr parmigiano

sale e pepe

per la farcitura

80 gr fette di scamorza

100 gr prosciutto cotto

 

Iniziamo con il preparare le zucchine, lavandole e togliendo le estremità, passiamo a grattugiarle con la parte a fori larghi della grattugia. Sbattiamo le uova con parmigiano, sale e pepe, quindi possiamo aggiungere le zucchine precedentemente preparate e mescolare bene.

Rivestiamo una teglia con cartaforno inumidita e strizzata bene, e andiamo a versare il composto livellando la superficie.

Andiamo a cuocere in forno per circa 20 minuti a 180°C. Sforniamo e arrotoliamo con tutta la carta forno e lasciandolo raffreddare così.

Una volta raffreddato, apriamolo con delicatezza e andiamo a farcirlo.
Poniamo le fette di scamorza sulla frittata di zucchine, quindi ricopriamo con le fette di prosciutto.

Avvolgete il rotolo su se stesso. Rimettiamo in forno per qualche minuto con la funzione grill per far sciogliere la scamorza. Infine tagliate a fette il rotolo di frittata alle zucchine farcito e servite tiepido oppure freddo.

MOZZARELLA RIPIENA

Mozzarella ripiena con  pomodori zucchini e pane croccante è una ricetta facile e veloce ideale per le giornate più calde. Piacevole non solo nel gusto, questa pietanza risulterà molto bella anche da vedere. Per questo motivo riuscirà ad avere il massimo consenso da parte dei vostri commensali.

 per la mozzarella ripiena ci occorrono:

mozzarella 1 a testa (per questa versione ho scelto mozzarella di bufala, ma viene benissimo anche con fiordilatte)

zucchine

pomodorini datterini

rucola

origano

sale pepe

salsa di soia

olio e.v.o.

pane carasau o carta musica

Laviamo le verdure. Spuntiamo gli zucchini e tagliamoli a cubetti, i pomodorini riduciamoli a spicchi. Saliamo leggermente e poniamoli a sgocciolare l’acqua di vegetazione.

Prepariamo la mozzarella tagliandola come un cestino. Togliamo la parte superiore e scavate la parte interna. In questa versione io ho adoperato la burrata. Le parti che vi avanzeranno dalla preparazione del “cestino” tenetele da parte, andranno a far parte del condimento al letto di rucola.

In una ciotola andiamo a mettere gli zucchini ed i pomodorini preparati in precedenza, conditeli con olio sale e pepe ed un poco di origano, se preferite anche qualche foglia di basilico. Lasciate ad insaporire le verdure per una ventina di minuti.

Prepariamo la verdura che andrà a fare da letto al nostro piatto, laviamo e asciughiamo la rucola. Condiamo con un cucchiaio di salsa di soia e olio e.v.o. Incorporiamo anche la mozzarella avanzata dalla preparazione e sistemiamo sul fondo del piatto di portata.
Poniamo la mozzarella sulla rucola e andiamo a farcire i cestini di mozzarella con le zucchine e pomodorini amalgamati in precedenza.
Servite le mozzarelle ripiene con qualche goccia di olio extravergine di oliva accompagnate da pezzi di pane carasau.