Crea sito

FRITTATA RIPIENA…quasi streetfood

Frittata ripena…quasi streetfood, mi ricordo che da piccola, quando domenica era scampagnata, per mangiare era uso, tra altre pietanze la frittata ripiena…ecco ho rielaborato l’idea, molto simile ad una creps…andiamo a vedere insieme

20160109_134846

per la frittata ripiena ci occorrono:

1 uovo

1 albume

1 cucchiaio di philadelphia

2 cucchiai di farina integrale

1 cucchiaio di maizena

2 cucchiai di latte

sale

olio evo

per il ripieno

pollo affettato

radicchio rosso

sottiletta

crema di aceto balsamico

Prepariamo la frittata che poi andremo a riempire, prendiamo una terrina e mettiamo dentro l’uovo e l’albume e sbattiamo con una forchetta aggiugiamo il philadelphia sbattiamo ancora e aggiugiamo le farine sempre sbattendo con la forchetta ed infine il latte. lasciamo risposare l’impasto una mezzora.

Prediamo una padella piuttosto grande, ungiamo bene il fondo con l’olio e scaldiamo la padella, versiamo  il nostro composto e facciamo cuocere prima da un lato e giriamo al momento che la nostra frittata avrà formato delle bollicine sull’impasto, aiutatevi con una spatola staccate un pò i bordi e girate. Cuociamo anche l’altro lato.

Trasferiamo la nostra frittata su di un piano e mettiamo le sottilette (che col calore si scioglieranno un pochino) il radicchio precedentemente lavato e asciugato un filino d’olio evo la crema di aceto balsamico e il pollo affettato.

Arrotoliamo la frittata col ripieno su se stessa e fasciamo con della stagnola. Dividiamo la frittata ripiena che ora ha l’aspetto di un cannolo nel mezzo ottenendo cosi due porzioni, e gustate…

CARBONARA MARE E MONTI

Carbonara mare e monti è una idea trovata sul web che ho provato l’altra sera a cena, ed a noi è piaciuta molto, è risultato un primo piatto sfizioso..andiamo a vedere insieme la ricetta

20160106_130022[1]

per la carbonara mare e monti ci occorrono:

(dosi per due persone)

180 gr linguine

150 gr porcini

vongole sgusciate (1 confezione surgelate)

2 tuorli

un cucchiaio di besciamella

30 gr parmigiano

30 gr pecorino

aglio

sale e pepe

prezzemolo

1/2 bicchiere vino bianco

olio e.v.o.

Prendiamo una capiente padella e facciamo rosolare l’aglio intero e schiacciato, in 3 cucchiai di olio e.v.o. e aggiungiamo i funghi ancora surgelati e li lasciamo ammorbidire… quando saranno teneri tagliarli a cubetti e ributtate in padella aggiungendo anche le vongole sgusciate con metà del prezzemolo e un pizzico di sale. Lasciare cuorere per 5 minuti sfumando con del vino bianco. Aggiustare di sale e pepe e al termine aggiungere il prezzemolo.

In una terrina grande andiamo a sbattere i tuorli con i formaggi grattugiati con la besciamella  e abbondante pepe nero.

Cuocere la pasta in abbondante acqua salata con un cucchiaio d’ olio evo per il tempo necessario, Scoliamo tenendo un paio di cucchiai di acqua di cottura e andiamo a saltare con le vongole e i funghi. Togliamo dal fuoco e velocemente andiamo ad amalgamare il tutto con il composto della carbonara…Impiattiamo e gustiamo…

ROSE DEL DESERTO AVENA E BACCHE DI GOJI

Rose del deserto avena e bacche di goji sono una variante della famose versione di questi biscottini croccanti fuori e morbidi dentro…per una colazione e merenda piu salutare…andiamo a vedere la ricetta

20151018_rosedeldesertoavenagoji (3)

per le rose del deserto avena e bacche di goji ci occorrono:

100 gr farina di mandorle

200 gr farina

100 gr burro

70 gr philadelphia

30 gr bacche goji

2 uova

70 gr zucchero

fiocchi di avena per ricoprire

zucchero a velo

Procedimento: togliamo il burro dal frigo per farlo ammorbidire. Mettiamo le bacche di goji a rinvenire in una ciotolina con acqua tiepida. In una terrina andiamo a mescolare le uova con lo zucchero, se preferite aiutatevi con le fruste elettriche.
Aggiungete il burro morbido, il philadelphia, la farina di mandorle, il lievito, la vanillina e il sale e continuate a mescolare con le fruste.Per ultimo aggiungete la farina 00 le bacche di goji strizzate ben bene e qualche cucchiaiata di fiocchi di avena e terminiamo l’impasto.
Preleviamo con le mani leggermente inumidite una piccola quantità di impasto e andiamo a formare delle palline, quindi le  rotoliamo nei fiocchi di avena esercitando un po’ di pressione con le mani.
Disponiamo i biscottini in una teglia rivestita di carta da forno e poniamole in frigorifero per una 20 di minuti. Informiamo a 170° per 15 minuti. Trascorso questo tempo, sforniamo e lasciamo raffreddare le rose del deserto. Cospargiamo con  zucchero a velo e gustate le rose del deserto avena e bacche di goji.

Potete conservare le rose del deserto in una scatola di latta o in un contenitore con chiusura ermetica per al massimo 2-3 giorni.