SPAGHETTI DI ZUCCHINE ALLA SIMMENTHAL

Spaghetti di zucchine alla simmenthal è una simil carbonara con gli zoodles un’idea sfiziosa, che al posto del guanciale ha la carne in scatola, un piatto veloccissimo e saporito, diciamo un secondo piatto vestito da primo piatto…non storcete il naso…dovete assolutamente provarli!!! L’unico inconveniente per preparare gli spaghetti di zucchine è che avrete bisogno dello strumento apposito.

Per gli spaghetti di zucchine alle simmenthal ci occorrono (per 2 persone)

2 zucchine

2 scatolette di simmenthal da 70 g

1/2 bicchiere di vino bianco

1/2 cipolla

2 uova

formaggio grattugiato (a piacere)

sale e pepe q.b.

olio evo q.b

PROCEDIMENTO:

Prepariamo gli spaghetti. Laviamo e spuntiamo le zucchine, quindi, con l’apposito apparecchietto, andiamo a creare gli zoodles seguendo le istruzioni. (Il mio funziona come una specie di temperamatite gigante: infili la zucchina e giri e escono questi bei riccioli..occhio alla lunghezza).

Proseguiamo con la preparazione del piatto. Affettiamo finemente una cipolla, e mettiamola ad imbiondire in una padella capiente con un filo d’olio evo. Aggiungiamo la simmenthal, e lavoriamola un po con una forchetta. Facciamo insaporire qualche minuto a fiamma vivace. A questo punto sfumiamo con bicchiere di vino bianco fino a che non sarà evaporato.

Nel frattempo in una ciotola andiamo a sbattere le uova con un pò formaggio grattugiato, un pizzico di pepe e un pizzico di sale.

Mettiamo gli spaghetti di zucchine nella padella con la simmenthal e mantechiamo qualche minuto. Togliamo dal fuoco ed andiamo ad aggiungere le uova. Mescoliamo bene ed impiattiamo.

Serviamo gli spaghetti di zucchine alla simmenthal con una generosa spolverata di parmigiano e un po di pepe macinato fresco!

 

INVOLTINI DI LONZA CON VERDURE

Involtini di lonza di maiale con verdure sono un secondo piatto che unisce carne e contorno in un unica preparazione. Inoltre è un piatto colorato e nello stesso tempo saporito. Il formaggio al suo interno e il fondo al pomodoro ci aiuterà a tenere la carne morbida.

Un piccolo suggerimento: la carne di maiale dovrà essere ben cotta, ma non stracotta altrimenti risulterà secca e poco appetitosa.

per gli involtini di lonza con verdure ci occorrono

12 fettine lonza di maiale
2 carote
2 finocchi
formaggio edamer in fette
40 gr farina
1 bicchiere vino bianco
passata di pomodoro a pezzettoni
olio extravergine di oliva
sale e pepe
filo da cucina
Prendiamo le fettine di lonza e mettiamole su di un tagliere, copriamo con un foglio di carta forno e cerchiamo di appiattirle con un batticarne (io non avendolo, ho adoperato il dorso di un bicchiere) per renderle più sottili e morbide.
Pulite le verdure e andiamo a cuocerle a vapore (in una vaporiera) per circa una decina di minuti di modo che risultino “al dente”.
A questo punto andiamo a formare involtini ponendo al centro di ogni fettina di carne le verdure una mezza fetta di formaggio edamer e chiudiamoli con spago da cucina.
Passiamo gli involtini nella farina  e pendiamo una padella capiente dove faremo rosolare con qualche cucchiaio di olio e.v.o uno spicchio di aglio. Quando sarà dorato, togliamo l’aglio e poniamo a cuocere gli involtini. Facciamoli rosolare per 5 minuti a fuoco vivace, poi sfumiamo con il vino bianco, una volta che sarà evaporato aggiungiamo la passata di pomodoro, aggiustiamo di sale e pepe, abbassiamo la fiamma e cuociamo per 10 minuti con il coperchio.
Serviteli tiepidi o caldi.

FUSILLI ALLA CREMA DI CARCIOFI

Fusilli alla crema di carciofi è un primo piatto molto apprezzato per la sua delicatezza. L’ingrediente di richiamo, il carciofo, viene coltivato per lo più al centro/sud Italia, molte sono le ricette tradizionali in cui questo ortaggio è il protagonista. Le varietà coltivate sono molteplici, le più diffuse sono il romanesco, lo spinoso sardo e ligure e il violetto. Per un questo primo piatto andremo a realizzare la crema frullando i carciofi cotti con la ricotta. Questa crema così ottenuta è ottima anche da spalmare su crostini di pane da servire come antipasto, oppure utilizzarla come salsa di accompagnamento per secondi a base di carne o pesce. Andiamo a vedere la ricetta.

per i fusilli alla crema di carciofo ci occorrono:

300 gr fusilli (questi che ho usato sono di formato giagante)

3 carciofi

100 gr ricotta

1 limone

aglio in polvere

sale e pepe

un poco di brodo vegetale

Cominciamo con la pulizia dell’ortaggio.Con un coltello affilato mondiamo i carciofi eliminando il gambo, le foglie esterne più dure e la barba se presente. Una volta ricavati i cuori andiamo a dividerli a spicchi e mettiamoli in una ciotola con acqua ed il succo di un limone fino al momento dell’utilizzo.

In una padella con qualche cucchiaio di olio andiamo a fare imbiondire l’aglio (io ho usato quello in polvere, ma se preferito usate un paio di spicchi intero) e appena inizierà a colorire aggiungiamo i carciofi ben scolati. Lasciamo insaporire per qualche minuto, poi aggiungiamo un bicchiere di brodo vegetale.

Proseguiamo la cottura per 15 minuti a pentola coperta. Aggiustiamo di sale. Appena i carciofi saranno ammorbiditi togliamo dal fuoco e teniamo da parte

Nel frattempo andiamo a cuocere i fusilli in abbondante acqua salata. Scolateli leggermente al dente.

Prendiamo un frullatore ad immersione togliamo qualche spicchio di carciofo che ci servirà come decorazione al piatto e andiamo a lavorate i carciofi fino ad ottenere una crema omogenea e liscia. Aggiungiamo la ricotta, e rimettiamo il composto ottenuto sul fuoco e facciamo  cuocere per altri due minuti mescolando.

Prendiamo i fusilli e andiamo a mantecare con alcuni cucchiai di crema di carciofi in padella.

A questo punto non ci rimane che impiattare e servire ai nostri commensali. Se gradite potete aggiungere una bella spolverata di parmigiano.

TORTA AMARETTI E CUORE DI RICOTTA

Torta amaretti e cuore di ricotta, è un dolce da forno con all’interno un cuore morbido. Ideale per un fine pranzo da offrire agli ospiti oppure per una piacevole merenda accompagnando una fetta di questa delizia ad un ottimo thè.

per la torta amaretti e cuore di ricotta ci occorrono:

3 uova

250 gr di farina (io ho usato quella integrale)

150 gr di amaretti

120 gr di zucchero

40 ml olio di semi

60 ml latte

1 bustina di vanillina

1 bustina di lievito

per la crema:

300 gr ricotta

80 gr zucchero

..e se vi piace buccia grattugiata di limone

Iniziamo la preparazione della torta amaretti e cuore di ricotta foderando con della carta forno leggermente inumidita e ben strizzata, una tortiera dal diametro di circa 18 cm. Teniamo da parte.

In una ciotola capiente mettiamo le uova e lo zucchero. Con l’aiuto delle fruste elettriche iniziamo a montare le uova. Abbassiamo la velocità delle fruste ed andiamo ad aggiungere in sequenza l’olio di semi, il latte, sbricioliamo una parte degli amaretti, circa la metà, la bustina di vanillina e continuiamo a mescolare l’impasto. Quindi iniziamo ad aggiungere la farina poco per volta. Per ultimo aggiungiamo il lievito sempre mescolando. Dovremmo aver raggiunto una consistenza morbida ma corposa. Se dovesse risultare troppo denso aggiungete qualche cucchiaio di latte.

Preriscaldiamo il forno a 180°.

Prepariamo adesso la crema di ricotta: in una terrina andiamo a mescolare la ricotta con lo zucchero e la buccia grattugiata di un limone, utilizzando una frusta a mano fino a che non avremo ottenuto una bella crema.

A questo punto riprendiamo la tortiera e versiamo 2/3 dell’impasto. Di seguito versiamo la crema di ricotta lasciano un pochino di bordo. Chiudiamo versando il rimanente 1/3 dell’impasto. Guarniamo con gli amaretti rimasti, sbriciolandoli grossonolamente.

Inforniamo per circa 40/45 minuti.  Trascorso questo tempo la superficie dovrebbe risultare bella dorata. Togliamo dal forno e lasciamo raffreddare.

Una volta fredda potete tagliare le fette e servire.

GNOCCHETTI TRICOLORI AL PESCE

Gnocchetti tricolori al pesce sono un primo piatto semplice ma gustoso, gli gnocchetti di patate risultano morbidi ed il condimento si sposa benissimo con molte varietà di pesce, molluschi e frutti di mare.  Sono davvero gustosi: non vi resta che provarli…andiamo a vedere insieme la ricetta.

per gli gnocchetti al pesce ci occorrono:

500 gr gnocchetti (in questo caso ho scelto le chicche tricolore di patate)

300 gr cozze sgusciate

100 gr gamberetti

300 gr calamaretti

1 pomodoro

1 zucchina

mezzo bicchiere vino bianco

prezzemolo

aglio

sale pepe

Iniziamo la preparazione di questo piatto pulendo le cozze, togliendo il filamento che fuoriesce dalle valve e sciacquiamole con cura sotto l’acqua corrente. Laviamo i calamaretti  sotto l’acqua corrente, ponendo attenzione ad eliminare eventuali residui di sabbia dalle ventose dei tentacoli. Tagliamoli ad  anelli. Puliamo anche i gamberetti, togliendo il carapace.

Poniamo le cozze in un tegame con qualche cucchiaio di olio e l’aglio schiacciato. Mettiamo su fuoco vivace e copriamo per far  dischiudere le cozze, togliendole via via che si aprono; quindi sgusciamole e filtriamo il fondo di cottura con un colino.

Puliamo e spuntiamo la zucchina e riduciamola a cubetti.

Riprendiamo il tegame mettiamo olio e schiacciate l’aglio, facendolo soffriggere a fiamma bassa. Quando sarà dorato aggiungiamo i cubetti di zucchina ed i calamaretti, facciamo cuocere per 5 minuti poi aggiungete i gamberi sgusciati e sfumate con il vino. Lasciamo andare ancora un paio di minuti. Togliamo dal fuoco e teniamo da parte.

Lessiamo gli gnocchetti in abbondante acqua bollente salata. Quando affiorano, togliamoli con una schiumarola e passateli nella padella con il pesce pronto.

Riduciamo a cubetti il pomodoro e mettiamo gnocchetti con i pesce sul fuoco con il sughetto precedentemente filtrato e le cozze.

Facciamo saltare in padella un alcuni di minuti a fiamma vivace, aggiustiamo di sale e pepe, e per finire il prezzemolo tritato.

Impiattiamo con del prezzemolo fresco tritato grossolanamente e servite subito.

 

PETTO DI POLLO RIPIENO AGLI SPINACI

Petto di pollo ripieno agli spinaci è una valida alternativa per gustare questa parte prelibata del pollo. Si pratica una tasca, dove andiamo ad inserire le verdure e il formaggio. La cottura in forno con la superficie irrorata dalla passata di pomodoro lo fa assomigliare al classico calzone di pizza.

per il petto di pollo ripieno agli spinaci ci occorrono:

un petto di pollo intero

300 gr spinaci lessati

60 gr emmenthal grattugiato

passata di pomodoro verace

origano

aglio in polvere

olio e.v.o

sale e pepe

Prendiamo il petto di pollo e tagliamo a metà in due parti. In ciascuna delle due parti, andiamo ad incidere la carne in modo da poter creare una tasca. Teniamo da parte.

Prendiamo una padella con qualche cucchiaio di olio e.v.o. e un poco di aglio in polvere e facciamo andare fino a che l’aglio non sarà dorato. Aggiungiamo gli spinaci lessati e ben strizzati. Facciamo saltare 5 minuti. Lasciamo raffreddare.

Riempiamo le tue tasche di pollo con gli spinaci cotti e l’emmethal grattugiato. Per sicurezza andiamo a chiudere i lembi con degli stuzzicadenti che poi, a fine cottura andremo a rimuovere.

Prepariamo una pirofila e sul fondo un paio di cucchiai di olio e un paio di cucchiai di passata di pomdoro, poniamo i petti di pollo, saliamo e pepiamo. Sopra il petto ripieno mettiamo ancora qualche cucchiaio di passata di pomodoro, olio e origano.

In forniamo a 180° per circa una ventina di minuti. Togliamo dal forno, rimuoviamo gli stecchini e impiattiamo con il suo sughetto.

A vista sembrano dei calzoncelli. Io gli ho serviti, in questo caso, accompagnati da funghi cardoncelli, buon appetito

FARFALLE INTEGRALI AL RAGU DELLA MAMMA LUCIA

Farfalle integrali al ragu della mamma Lucia ossia alla bolognese, che è un classico ragù di carne all’italiana. Il segreto per la buona riuscita di questo piatto, è la realizzazione di un ragù perfetto. Andiamo insieme a vedere la ricetta

per le farfalle integrali al ragù ci occorrono:
450 gr macinato manzo
350 gr macinato suino
750 ml passata di pomodoro
50 gr sedano
50 gr cipolla rossa
50 gr carota
1 bicchiere di vino rosso
2/3 cucchiai olio d’oliva
sale grosso
pepe nero
acqua q.b.
Iniziamo preparando le verdure per il soffritto, pulendo e tritando carota sedano e cipolla. In una tegame capiente mettiamo un paio di cucchiai di olio e aggiungiamo il trito di verdure e lasciamo andare una decina di minuti a fuoco dolce. Quando il soffritto sarà appassito aggiungiamo la macinata di carne di manzo e maiale. Mescolate bene e mettete una manciata di sale grosso e qualche macinata di pepe nero. Lasciamo fuoriuscire i succhi della carne ed una volta asciugati andiamo a sfumare con il bicchiere di vino rosso. Una volta evaporato possiamo andare ad aggiungere la passata di pomodoro con un paio di bicchieri di acqua. Mescoliamo e lasciamo sobbollire per un’ora. Trascorso questo tempo controlliamo la cottura, aggiustiamo di sale e se risultasse troppo ritirato aggiungiamo ancora un bicchiere di acqua. Lasciamo ancora sobbollire per un’altra ora. Trascorso questo tempo il sugo dovrà essere pronto, assaggiate e se occorre aggiustare di sale e pepe.
In una pentola con acqua leggermente salata portiamo ad ebbollizione l’acqua e andiamo a cuocere la pasta in questo caso le farfalle integrali. Al termine della cottura scoliamo la pasta e andiamo a saltare in una padella con qualche cucchiaio di sugo.
Impiattiamo e aggiungiamo un cucchiaio di sugo sulle farfalle integrali.
Pronti per gustare questo ottimo primo piatto?

FRAGOLE E CIOCCOLATO

Fragole e cioccolato…per questo giorno di festa, vi lascio questa ricetta, facile veloce e golosa!!! La fragola frutto delizioso e leggero, ricoperto col cioccolato fondente sono un dessert ideale sia come fine pasto, deliziano con poche calorie, ricche di vitamina C, flavonoidi antiossidanti e innalzano il tono dell’umore. Un perfetto peccato di gola light.Sono un suggerimento anche per una cenetta romantica…vedrete che il vostro lui ne rimarrà estremamente compiaciuto. Tra l’altro è un’idea per utilizzare il cioccolato delle uova di pasqua.

per la realizzazione di questo piatto abbiamo bisogno di pochissimi ingredienti:

fragole

cioccolato fondente

(calcolate 10 gr di cioccolato fondente per ogni fragola)

 

Andiamo a lavare le fragole con le sue foglioline, una ad una, in una bacinella con acqua fredda e cambiandola almeno un paio di volte. Asciughiamo le fragole accuratamente con carta assorbente da cucina, per permettere al cioccolato di aderire alla superficie dei frutti.

Tritiamo il cioccolato e poniamo la metà a fondere a bagnomaria.Fuori dal fuoco mescoliamo il cioccolato fuso alla seconda metà di cioccolato tritato, cercando di non incorporare aria. Continuiamo a mescolare aspettando che si raffreddi e raggiunga una consistenza morbida..a questo punto andiamo ad immergere le fragole, ricoprendole bene.

Disponiamo le fragole su della carta forno e poniamole in frigo per una quindicina di minuti di modo che il cioccolato si solidifichi.

Trascorso questo tempo, mettiamo sul piatto di portata e sono pronte per essere gustate.

Le fragole e cioccolato si conservano per un giorno.

Se volete fare una cosa ancora più raffinata potete mettere ogni fragola e cioccolato dentro un pirottino di carta colorata.

 

 

BAGUETTE RIPIENA HASSELBACH

Baguette ripiena hasselbach, prende il nome dallo stesso metodo di taglio e farcitura delle patate. Ottima per un’aperitivo o pane ripieno da servire in tavola per una cena sfiziosa. In questa ricetta, la baguette, viene tagliata e farcita con speck e provola, spennellata con latte e uovo e prezzemolo e cotta in forno.

per la baguette ripiena hasselbach ci occorrono:

2 baguette piccole

formaggio provola

speck

1 uovo

100 ml latte

olio evo per spennellare

sale e pepe

prezzemolo q.b

Prendiamo le baguette e andiamo ad eseguire dei tagli in modo da creare un effetto fisarmonica. Potete aiutarvi ponendo di fianco al pane un cucchiaio di legno. Questo procedimento vi aiuterà a fare dei tagli precisi e regolari e a non rischiare di tagliare la fetta fino in fondo.

Trasferiamo le baguette dentro una teglia da forno unta o se preferite rivestita di cartaforno. Tagliamo la provola a fette sottili e cominciamo a farcire la baguette. In ogni taglio mettiamo una fetta di speck e una di formaggio.

In una terrina sbattiamo l’uovo col latte, un pò di pepe, un pizzico di sale ed un cucchiaio di olio e.v.o. Con questo composto andiamo a bagnare le baguette con aiuto di un pennello di silicone. Ripetiamo l’operazione più volte fino a che non sarà esaurito il liquido ed il pane sarà inzuppato. Spolveriamo con prezzemolo tritato ed aggiustiamo di sale.

Inforniamo il tutto a 200° ventilato, coperto da un foglio di allumino per i primi 10 minuti, dopodichè scopriamo e lasciamo andare altri 5 minuti o fino a che la nostra baguette non sarà bella dorata. Servite subito, bella filante e croccante….

 

COLOMBA SALATA

Colomba salata è un rustico farcito con mortadella, verdure e formaggio, ideale per la scampagnata di pasquetta. Essendo la prima volta che mi cimentavo nella colomba salata ho preso spunto da alcune ricette su internet e questa è la ricetta:

per la colomba salata ci occorrono:

300 gr farina

200 gr farina integrale

3 uova

200 ml latte

1 bicchiere d’olio

200 gr mortadella a cubetti

200 gr emmenthal

2 zucchini

2 pomodori

olive nere

1 cubetto di lievito

mandorle a lamelle

burro

pan grattato

Puliamo le verdure e riduciamo sia gli zucchini che i pomodori a cubetti. Facciamo saltare in padella con un poco d’olio, sale e origano. Quando la verdura apparirà asciutta, togliamo dal fuoco e teniamo da parte. Le olive nere denocciolate e tagliate a metà. Prepariamo anche il formaggio a cubetti e la mortadella, sempre a cubetti.

Sciogliamo il lievito in un poco di acqua tiepida con un cucchiaino di zucchero che aumenterà la lievitazione.

In una ciotola mettiamo le farine e mescolando aggiungiamo le uova. Sempre mescolando incorporiamo l’olio ed il latte. Aggiungiamo il lievito mescolando bene. L’impasto risulterà morbido.

Andiamo ad incorporare anche la mortadella, le verdure ed il formaggio facendo si che venga distribuito in modo omogeneo.

Versiamo l’impasto nella tortiera o nella forma di colomba, che avremo precedentemente imburrato e cosparso con il pan grattato. Lasciamo lievitare per almeno 3 ore.

Spennellate la colomba con un poco di olio e mettete le mandorle e andiamo ad infornare a 180° per circa 45 minuti. (per il tempo di cottura, siccome da forno a forno varia, affidatevi dalla prova stecchino…dovrà ritornare asciutto.)

Sfornate la colomba salata e lasciate raffreddare. Consumatela a fette.