Crea sito

FUSILLI COZZE E VERDURE

Fusilli cozze e verdure un primo piatto di pesce con cozze sgusciate e precotte, accompagnate da zucchini, pomodori e peperoni grigliati, fa si che la preparazione sia molto velocizzata per chi come me, è sempre di corsa…

fusilli cozze e verdure

per la ricetta fusilli cozze e verdure ci occorrono:

200 gr fusilli formato grande

1 zucchina verde

falde di peperone grigliato

250 g di cozze sgusciate surgelate

1 pomodoro ramato

mezzo bicchiere di vino bianco,

olio e.v.o.

aglio

sale e pepe q.b.

un pizzico di peperoncino in polvere.

PROCEDIMENTO : 

Prepariamo la zucchina laviamola spuntiamola e tagliamo a dadini. Scaldiamo un paio di cucchiai di olio d’oliva in una padella con l’aglio ed un pò di peperoncino, lasciamo insaporire. Uniamo i dadini di zucchina e lasciamo cuocere mescolando di tanto in tanto. Riduciamo una o 2 falde di peperone grigliato in piccoli pezzi e aggiungiamo alla zucchina. Uniamo le cozze, alzate la fiamma e sfumate con del vino bianco. Uniamo i pomodorini spaccati in 4, mescoliamo, e lasciamo cuocere coperto per circa 20 minuti a fuoco dolce. Regoliamo di sale.

Cuociamo i fusilli in abbondante acqua salata, scoliamoli al dente e mettiamoli nella padella con il condimento, saltiamo qualche minuto se gradite aggiungete un po di prezzemolo e serviamo ai nostri commensali.

CENCI DI CARNEVALE

Cenci di carnevale…nella mia città il nome di questi dolci è cenci, si sa in altre città o regioni si chiamano diversamente, ma la cosa che gli accomuna è che si fanno nel periodo del carnevale. Ogni regione ha la sua ricetta, ma anche ogni famiglia…oggi però ho preso spunto da una ricetta vista in tv nel programma Geo

cenci di carnevale

per i cenci di carnevale ci occorrono:

500 gr farina
2 uova grandi
100 gr burro ammorbidito
50 ml di limoncello (o marsala o altro liquore)
buccia grattugiata di limone
2 cucchiai zucchero
1 pizzico sale
olio di semi di arachide per friggere
zucchero per decorare q.b.


Iniziamo col setacciare la farina sulla spianatoia facendo una fontana. Aggiungiamo le uova, il burro precedentemente ammorbidito a pezzetti, il liquore, la scorza di limone, il sale e lo zucchero.

Impastiamo fino a ottenere un impasto sodo ed elastico. (se lo sentite troppo duro, aggiungete ancora un po’ di latte). Formiamo la classica palla, avvolgetela in pellicola e lasciamola riposare per circa un’ora a temperatura ambiente.
Trascorso il tempo di riposo riprendiamo l’impasto e dividiamolo in 4 parti e stendiamo col mattarello su di una spianatoia infarinata. Io le ho tenute un po spesse, perchè mi piacciono di più.
A questo punto tagliamo dei rettangoli con una rondella dal bordo ondulato e fate un piccolo taglio al centro di ogni rettangolo, per ottenere dei fiocchi passando un lembo di pasta dentro il taglio. In alternativa, tagliamo delle striscette sottili e arrotolatele tipo stella filante.


In una pentola a bordi alti, portiamo l’olio alla temperatura giusta per friggere (per sapere se abbiamo raggiunto il calore giusto proviamo ad immergere un pezzetto di sfoglia: se torna subito a galla sfrigolando, la temperatura è giusta). Friggiamo i cenci un poco alla volta, rigirando spesso, finché non saranno ben dorati e gonfi.

Preleviamo con un ragno o schiumarola e mettiamoli su un vassoio coperto da carta assorbente.
Quando si saranno raffreddati, trasferiamoli su un piatto da portata, spolverando man mano con lo zucchero.

cenci di carnevale

n.b. Ho notato che con questa ricetta i cenci sono morbidi e si mantengono morbidi per diversi giorni coperti con un canovaccio.

PIZZA DI SCAROLA

Pizza di scarola, si dice sia uno dei piatti tipici della tradizione gastronomica partenopea, una variante della pizza ripiena dove l’ingrediente principale del ripieno è la scarola stufata, con uva passa, pinoli, olio extravergine, acciughe e pochi altri ingredienti. Avendola preparata per la cena di san valentino la forma è a cuore…la ricetta che andiamo a provare è di A. Cannavacciuolo

pizza di scarola

ingredienti per l’impasto:
600 gr farina 00
150 ml acqua
150 ml latte
100 gr strutto
15 gr lievito di birra
15 gr sale
per guarnizione semi di sesamo

Ingredienti per il ripieno:
2 cespi di scarola
15 gr acciughe sottolio
10 gr uvetta sultanina
20 gr pinoli
1 uovo
uno spicchio d’aglio
olio e.v.o.
sale q.b.

Per l’impasto della pizza all’olio sciogliere il lievito di birra in un poco di acqua tiepida. Nel frattempo in un’impastatrice montare il gancio e lavorare la farina con il latte e il resto dell’acqua, unire a filo l’olio e in ultimo l’acqua con il lievito sciolto e alla fine anche il sale. Quando il composto diventa uniforme formare una palla e farla lievitare per circa 2 ore a temperatura ambiente coperta da un canovaccio.

Nel frattempo lavare la scarola, tagliarla a striscioline e una volta ben asciugata, fare soffriggere in padella con un filo di olio e lo spicchio d’aglio privato dell’anima; quando l’aglio è dorato toglierlo e unire invece le acciughe facendole cuocere fino a che non si disfano. A questo punto aggiungere l’uvetta sultanina precedentemente ammollata in acqua fredda, i pinoli, sale pepe. Far cuocere per circa 5 minuti, scolando poi l’acqua in eccesso.

Riprendere l’impasto della pizza all’olio, dividerlo in due parti e stenderle formando due dischi; in questo caso gli ho modellati a cuore con l’aiuto di uno stampo leggermente unto, rivestendo con il primo disco di pasta il fondo, bucherellare con una forchetta e farcirlo con il sugo di scarola, coprire poi con l’altro disco sempre bucherellandolo; spennellare questa pizza di scarola con l’uovo leggermente sbattuto con un goccio di latte , salare e decorare con i semi di sesamo.

A questo punto fare cuocere in forno a 180° preriscaldato per circa 25-30 minuti o comunque fino a che la superficie non risulta dorata e croccante.

pizza di scarola


SBRICIOLATA RICOTTA E GOCCE DI CIOCCOLATO

Sbriciolata ricotta e gocce di cioccolato è un dolce di facile esecuzione ma molto goloso, la torta è realizzata con una frolla sbriciolata tra le mani croccante ed il ripieno cremoso di ricotta arricchito con gocce di cioccolato fondente.

sbriciolata alla ricotta con gocce di cioccolato

ingredienti per una teglia di 20 cm

250 gr di farina ’00

1 uovo

150 gr di zucchero semolato

120 gr di burro freddo a pezzettini

1/2 bustina di lievito per dolci

buccia grattugiata di 1 limone

1 pizzico di sale

Per il ripieno:

400 gr ricotta sgocciolata

120 gr zucchero a velo

100 gr gocce di cioccolato fondente  

Procedimento: In una ciotola riuniamo la farina, zucchero e burro per la frolla e sbricioliamo con le mani, in modo da ottenere delle briciole corpose. Facciamo riposare in frigo 30 minuti.

Nel frattempo prepariamo il ripieno, sgocciolando la ricotta mettendola in un panno e strizziamo di modo che il liquido fuoriesca, fatto questo procedimento poniamo in una ciotola , aggiungendo lo zucchero a velo mescoliamo bene fino ad ottenere una bella crema. Aggiungiamo infine le gocce di cioccolato e incorporiamole alla crema.

Foderiamo una teglia con carta da forno, prendiamo circa la metà dell’impasto sbriciolato e cerchiamo di compattarlo sul fondo con le mani alzando lateralmente i bordi per realizzare il guscio. Versate il ripieno cremoso ricotta e gocce di cioccolato. Sbricioliamo l’ultima parte di frolla coprendo la superficie, e riponiamo in frigo per altri 30 minuti.

Preriscaldiamo il forno ( se statico a 180° se ventilato a 170°) e cuociamo la torta per circa 35 minuti, o fino a doratura. Trascorso il tempo di cottura sforniamo e lasciamo intiepidire in teglia per 20 minuti. poi facciamo raffreddare fuori dalla teglia. Gustiamola per un thè o per colazione o semplicemente per qualcosa di buono.

Insalata tiepida ai gamberetti

Insalata tiepida ai gamberetti un secondo piatto che potrebbe essere anche un antipasto in quantità più piccole. Facile e gustosa, veloce da preparare quando si ha voglia di qualcosa di leggero. In questo caso, portandola in tavola per un secondo piatto ho aggiunto un sautè di vongole.

insalata tiepida di gamberetti

ingredienti per 4 persone

400 gr fagiolini

300 gr patate

250 gr gamberetti

200 gr bastoncini di surimi

olio evo

succo di limone

prezzemolo

aglio in polvere

sale

Preparazione: Spuntiamo i fagiolini e laviamoli in acqua corrente. Mettiamo in uno scomparto della vaporiera. Prepariamo anche le patate lavando bene sotto acqua corrente e mettiamo in un’altro scomparto della vaporiera (questo per la differenza del tempo di cottura.

Procediamo alla cottura a vapore, per i fagiolini 20 minuti, per le patate 35 minuti.

Nel frattempo puliamo i gamberetti togliendo il guscio e il filo interno dell’intestino con delicatezza.Laviamo i gamberetti molto bene sotto acqua corrente e poi mettiamo a marinare nel limone un pizzico di sale e aglio in polvere.

Trascorso il tempo di cottura delle verdure, prendiamo e peliamo le patate e riduciamole a cubetti. Mettiamo in un vassoio da portata i fagiolini, le patate i bastoncini di surimi tagliati a rondelle e i gamberetti scolati dalla marinatura.

Condiamo il tutto con l’olio Olio extra vergine regoliamo di sale e mescoliamo bene.

Serviamo in tavola e gustiamo questa strepitosa insalata.

Se volete potete personalizzare questa insalata di fagiolini con le vostre preferenze utilizzando tanti altri ingredienti gustosi a vostro piacimento.

VERRINE AI GAMBERETTI

Verrine ai gamberetti per aperitivo o antipasto queste in particolare sono piccoli bicchierini con crema di ceci, pomodori pachino e gamberetti al vapore, colorati,gustosi e profumati.

verrine ai gamberetti

cosa ci occorre per le verrine ai gamberetti:

200 gr gamberetti

150 gr ceci precotti

200 gr pomodori pachino

olio e.v.o.

origano

aglio in polvere

limone

peperoncino

prezzemolo

sale e pepe

Prendiamo i pomodori pachino laviamoli e riduciamoli in cubetti. Lasciamo scolare l’acqua di vegetazione.

I gamberetti cotti al vapore per pochi minuti li mettiamo in una ciotolina con agli in polvere, limone, olio e.v.o. un pizzico di peperoncino e prezzemolo. Lasciamo insaporire.

Trasferiamo i ceci e un poco della sua acqua nel bicchiere del minipinner e cominciamo a frullare aggiungendo un poco di aglio in polvere, pepe e olio e.v.o. a filo fino a che non avremo ottenuto una crema.

Condiamo i pomodorini con olio sale e origano.

A questo punto andiamo ad assemblare le verrine.

Sul fondo mettiamo i pomodorini, aggiungiamo la crema fino a riempire i 2/3 del bicchierino e chiudiamo con i gamberetti.

Le verrine con gamberetti sono così pronte per essere servite.

UOVA ALLA COQUE IN PELLICOLA

i passaggi per preparare un uovo alla coque perfetto

Uova alla coque in pellicola…Tra tutti i modi per cucinare le uova, la cottura in camicia è una tra le più apprezzate, ecco un modo per prepararle senza il rischio di commettere errori. Qui sotto i passaggi per prepararlo.

uovo alla coque su letto di verza
uovo alla cocque su letto di verza

Cosa serve per preparare alla coque in pellicola

Per la preparazione semplice delle uova alla coque in pellicola, muniamoci di:

– uova

– pellicola trasparente da cucina adatta alle alte temperature

– una pentola

– una tazzina da caffè

– olio extravergine di oliva

– sale.

Procedimento

Prendiamo le uova (che dovranno essere a temperatura ambiente). Con un quadrato di pellicola (cm.15 per lato) andiamo a foderare l’interno di una tazzina da caffè, lasciando i bordi sull’esterno. Ungiamo la pellicola con un filo d’olio e aggiungete un pizzico di sale. Facciamo scivolare l’uovo intero all’interno della tazzina ricoperta dalla pellicola trasparente. Recuperiamo i bordi della pellicola e arrotolateli in modo da creare un sacchettino che sigillerete con un filetto da sacchetto.

uova alla coque in pellicola
uova alla coque in pellicola

Portiamo l’acqua nella pentola ad ebollizione e quando avrà raggiunto la temperatura immergiamo i pacchettini di pellicola per 5 minuti. Trascorso il tempo di cottura, togliamo i pacchettini dall’acqua con l’aiuto di una pinza. Tagliamo la parte superiore con le forbici ed estraiamo le uova dalla pellicola. Aggiustate di pepe se gradite.  In questo caso ho servito le uova alla coque su un letto di verza.

MUFFIN AL CACAO

Muffin al cacao, la ricetta che andremo a preparare è la preparazione classica di origine americana, testata e provata da me e devo dire che è una delle migliori per gusto e consistenza. Facile da fare ci occorreranno solo 2 ciotole per dividere gli ingredienti liquidi da una parte e gli ingredienti solidi dall’altra per poi mescolare il tutto con un cucchiaio. 

Come ogni ricetta classica ne esistono tante versioni. Questi dolcetti sono perfetti per colazione e merenda e piacciono sia ai grandi che ai piccini, adatti anche per arricchire un buffet di compleanno. Ci rimane solamente di provarli!

Muffin al cacao

per fare i Muffin al cacao ci occorrono:

le dosi sono per uno stampo da 12 muffin

190 gr farina ’00

50 gr cacao amaro

150 gr zucchero

1 bustina di lievito

1 pizzico di sale

180 ml latte scremato

65 gr burro fuso (o in alternativa 60 ml olio di semi di arachidi)

2 uova

per la farcia interna:

marmellata di arancia

caramello

nutella

decorazione esterna

gocce di cioccolato

granella di zucchero

granella di mandorla

Preparazione: nella ciotola degli ingredienti liquidi uniamo le uova il latte e olio. Diamo una bella mescolata con una frusta a mano.

Nella ciotola degli ingredienti secchi setacciamo il cacao, la farina ed il lievito, uniamo anche lo zucchero e il pizzico di sale.

Prepariamo uno stampo da muffin con i pirottini.

A questo punto uniamo gli ingredienti delle due ciotole e alla ciotola degli ingredienti secchi aggiungiamo gli ingredienti liquidi, giriamo con un cucchiaio pochi secondi e versiamo l’impasto nei pirottini, io di solito calcolo 2 cucchiai per la base.

Mettiamo il cucchiaino di farcitura, la nutella o la marmellata di arancia o il caramello e ricoprite con un ulteriore cucchiaio di impasto. Per riconoscere i gusti scegliete una granella, Io ho abbinato le gocce di cioccolato alla nutella, la granella di mandorle al caramello ed infine la granella di zucchero alla marmellata di arancia.

Il pirottino dovrebbe risultare riempito fino a mezzo centimetro dal bordo.

Andiamo a cuocere nel forno preriscaldato a 180° per 20 minuti ponendo la teglia nella parte media. Vedrete che si formerà la classica cupola del muffin. Lasciamo ancora qualche minuto a forno spento e poi apriamo e sforniamo i muffin.

Facciamo raffreddare su una gratella per almeno 30 minuti prima di servirli o conservarli in busta chiusa (per conservarne la morbidezza).

PASTA CON LE SARDE E FINOCCCHIETTO SELVATICO

Pasta con le sarde e finocchietto selvatico, un primo piatto delizioso preparato molto spesso in sicilia, ne esistono tantissime varianti ma in ogni versione i tre ingredienti che non posso assolutamente mancare sono la pasta, le sarde ed i finocchietto selvatico. Ecco la versione che ho scelto stavolta per noi e per voi.

pasta con le sarde e finocchietto selvatico
(

per la pasta con le sarde e finocchietto selvatico ci occorrono:

200 gr pasta (ho scelto il formato dei garganelli ma la ricetta originale suggerisce maccheroncini)

300 gr filetti di sarde puliti

50 gr uvetta passa

50 gr di granella di mandorle

1 mazzetto di finocchietto selvatico

1 scalogno

pangrattato

olio evo

sale e pepe

Prepariamo la pasta con le sarde cominciando dalla pulizia di queste ultime se non lo fossero già. E’ semplice, sarà sufficiente togliere la testa e aprirle a libro facendo scorrere il dito tra le due parti, dopodiché potrete eliminare la lisca centrale Ricordatevi di effettuare questa operazione con un filo d’acqua corrente, in modo da eliminare gli scarti e pulire contemporaneamente la polpa delle sarde. Teniamo da parte le sarde pulite.

Mettiamo in ammollo per una decina di minuti l’uvetta 

Prendiamo una padella mettiamo l’olio e aggiungiamo lo scalogno tritato finemente. Facciamo passire a fuoco dolce. A questo punto scoliamo l’uvetta e versiamola nella padella, aggiungiamo anche la granella di mandorle, mescoliamo e proseguiamo la cottura, ancora a fiamma dolce, per altri 10 minuti.

Poniamo una pentola sul fuoco con abbondante acqua e lasciamo che raggiunga il bollore e immergiamo il finocchietto facendolo sbollentare per un paio di minuti. Scoliamo bene, prendendolo con una ramina, senza gettare via l’acqua, che ci servirà per cuocere successivamente la pasta. Una volta intiepidito, andiamo a tritarlo al coltello, tagliando ad un paio di centimetri di distanza un taglio dall’altro. Uniamo agli altri ingredienti in padella, aggiustiamo di sale e pepe e mescoliamo per amalgamare bene il tutto.

Lessiamo la pasta nell’acqua che abbiamo tenuto da parte e nel frattempo che la pasta cuoce tostate il pangrattato versandolo in una padellino insieme ad un paio di cucchiai di olio. Mescoliamo spesso in modo da non bruciarlo e quando sarà ben dorato spegiamo la fiamma. Quando la pasta avrà raggiunto la giusta cottura al dente, scoliamola e versiamo nella padella con tutti gli ingredienti e saltiamola brevemente. Serviamo guarnendo col pangrattato tostato.

pasta con le sarde e finocchietto selvatico

La pasta con le sarde e finocchietto selvatico è pronta per essere gustata!

INSALATA DI POLLO IN SALSA VERDE

Insalata di pollo in salsa verde è un piatto leggero e saporito che contiene pochissimi grassi ed è l’ideale per un pasto nutriente. L’ho assaggiato in un bar dove fanno punto pranzo ed ho voluto replicarlo a casa. Alla mia famiglia è piaciutomolto. Andiamo a vedere assieme la preparazione.

insalata di pollo in salsa verde

Per questa ricetta, insalata di pollo in salsa verde ci occorrono:

300 gr di petto di pollo

mix di spezie ( io lo faccio personalmente tritando :salvia, rosmarino, erba cipollina, poco peperoncino, sale)

per la salsa verde:

1 mazzetto di prezzemolo

1 uovo sodo

3/4 acciughe sottolio

una generosa manciata di capperi

aglio

sale e pepe

succo di limone

olio e.v. o

Preparazione

Andiamo a tamponare con la carta assorbente il petto di pollo e cospargiamo con il mix di spezie “massaggiando” la carne. Poniamolo nella vsca della vaporiera e cuociamo per 30 minuti. (consiglio: nella vasca di acqua della vaporiera, aggiungo sempre un pò di succo di limone o aceto bianco, trovo che sgrassi e rilascia un buon profumo). Trascorso il tempo di cottura, lasciamo raffreddare.

Nel frattempo che il pollo cuoce, prepariamo la salsa verde. Lessiamo un uovo, una volta cotto e raffreddato riduciamolo finemente con la punta di un coltello. Procediamo tritando anche il prezzemolo, capperi e le acciughe e poniamo il tutto in una ciotola. Irroriamo bene questo composto con olio evo e succo di limone aggiustando di sale e pepe, mescoliamo bene.

Se vi avanza della salsa verde potete conservala in frigo, in un barattolo di vetro, aggiungendo un pò di olio, per qualche giorno.

Sfilacciamo il petto di pollo con l’aiuto di una forchetta , dopodichè condiamolo con un cucchiaio di olio e.v.o. e disponiamo sul piatto di portata. Versiamo sul pollo anche la salsa verde.

Potete servire questo piatto accompagnandolo con un’ insalatina di rucola e olive. Questa insalata di pollo è buona anche gustata a freddo.